top of page
  • Immagine del redattoreSoul Collection

I fratelli Isley litigano sulla proprietà del marchio in una nuova causa legale

Rudolph Isley ha accusato il fratello Ronald di aver ottenuto impropriamente il marchio "The Isley Brothers" sotto il suo nome.




Rudolph Isley, uno dei membri fondatori degli Isley Brothers, ha citato in giudizio il fratello ed ex compagno di band Ronald per aver presumibilmente cercato di ottenere un marchio per "The Isley Brothers" esclusivamente a suo nome.


La causa, depositata lunedì 20 marzo, chiede di dichiarare che il marchio "The Isley Brothers" è "di proprietà comune" dei fratelli. Rudolph sostiene inoltre di "non essere a conoscenza del grado di sfruttamento del marchio da parte di Ronald" e vuole che il giudice ordini a Ronald di "rendere conto e pagare" la quota del 50% che Rudolph sostiene gli sia dovuta per qualsiasi ricavo derivato dal marchio.

Rudolph e Ronald hanno co-fondato gli Isley Brothers con il loro defunto fratello O'Kelly nel 1954. La causa di Rudolph sostiene che "in ogni momento" la band ha operato come una "partnership di diritto comune", condividendo spese, profitti e controllo degli affari del gruppo. Anche quando la formazione della band è cresciuta e si è ampliata, il gruppo "è rimasto una partnership paritaria sotto l'unica proprietà, direzione e controllo dei suoi membri fondatori".



Dopo la morte di O'Kelly nel 1986, Rudolph afferma che a lui e Ronald rimase una quota del 50% della proprietà della band e del "marchio Isley Brothers". Rudolph si è ritirato dalla band nel 1989, ma "è rimasto attivo nella promozione e nella gestione delle proprietà del gruppo", come un accordo di pubblicazione del 2018 e un recente accordo di licenza che prevede l'uso di "Shout" in uno spot pubblicitario del Super Bowl lo scorso anno. La causa afferma che i due fratelli sono ancora proprietari alla pari "di tutti i diritti e gli interessi del Gruppo" e nessuna delle due parti ha "l'autorità di stipulare accordi... senza il consenso dell'altra".

Tuttavia, Rudolph sostiene che il 2 novembre 2021 Ronald si è messo in proprio e ha "depositato una domanda di registrazione dei diritti esclusivi" del marchio "The Isley Brothers" presso l'Ufficio Marchi e Brevetti degli Stati Uniti per prodotti e servizi relativi a "registrazioni visive e registrazioni audiovisive con musica e animazione". L'Ufficio Marchi ha approvato la domanda il 16 agosto 2022.



La causa di Rudolph sostiene che, nella domanda e nella registrazione del marchio, Ronald "rivendica i diritti esclusivi sul marchio a titolo individuale". Secondo l'accusa, anche l'avvocato di Ronald ha sostenuto questa tesi in una lettera al legale di Rudolph. "Queste affermazioni nella corrispondenza a [Rudolph], e sotto pena di falsa testimonianza all'Ufficio Marchi e Brevetti degli Stati Uniti, sono false", si legge nella causa di Rudolph.

Nel fascicolo di Rudolph è inclusa una copia della già citata lettera che l'avvocato di Ronald, Navarro Gray, ha inviato al legale di Rudolph. Nella lettera, Gray insiste sul fatto che Ronald "non ha creato un'entità separata per ricevere i ricavi legati agli Isley Brothers", ma piuttosto "la sua entità aziendale per fare affari esclusivamente legati alla sua carriera musicale/di intrattenimento".

La lettera afferma inoltre che Ronald ha maggiori diritti sul marchio "The Isley Brothers" perché è lui che "utilizza effettivamente e attivamente il marchio nel commercio durante o in prossimità della registrazione". La lettera prosegue affermando: "Le nostre ricerche dimostrano che Rudolph Isley non ha utilizzato il marchio né ha fatto parte del marchio The Isley Brothers dal 1986 e non si è esibito con The Isley Brothers dalla morte del fratello Okelly [sic] Isley".


Fonte: rollingstone.com


0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page