• Soul Collection

La musica di Préye dalla Nigeria

La cantautrice nigeriana ha pubblicato il singolo "Malibu"





Dopo la pubblicazione di 'Red Wine', il primo singolo di Preyé tratto dal suo prossimo EP Don't Look Down, la cantautrice nigeriana torna con 'Malibu', un singolo pronto per l'estate ispirato al suo viaggio nella città californiana.




Recentemente selezionata come uno dei sei artisti per la campagna globale Spotify Sounds Of Africa, insieme a LADIPOE, Zoë Modiga, Nomfundo Moh, Chris Khaiga e Nikita Kering, la stella di Preyé è in sicura ascesa.


"Preyé significa dono di Dio", spiega la cantante afro-fusion nigeriana. "Quello che faccio è un sound afro-fusion RnB Soul. Mi piace infondere le mie influenze nelle mie canzoni". Nata a Lagos, in Nigeria, da genitori maniaci della musica, Preyé è cresciuta nella vivace compagnia di vinili e compact disc, la maggior parte dei quali raccolti dal padre, che "amava ascoltare le canzoni mentre lavorava". Se l'infanzia degli altri consisteva nel giocare con action figure e bambole Barbie, la sua comprendeva un'educazione musicale informale ma enciclopedica. Da ragazza, Preyé ha avuto modo di conoscere molte tradizioni musicali e molti musicisti: Jazz, Soul, RnB, Enya, Michael Bolton, Marvin Gaye. "Tante cose", dice rassegnata, come se fosse perplessa o forse annoiata dal compito di ricordare le sue numerose influenze. "Mi interessava anche la pittura. Sai, fare figure umane, cercare cose in cucina per farne qualcosa". Poiché di solito le persone sono solo ciò che il loro ambiente permette loro di essere, la giovane Preyé si è naturalmente innamorata della musica.



Tuttavia, nonostante il suo interesse per la musica e i frequenti complimenti che riceveva dagli amici per il suo talento canoro, Preyé non ha praticato la musica durante la scuola secondaria in Benin, né ha scritto una canzone fino al 2015. È finita alla Covenant University, un'università privata cristiana a Ota, nello Stato di Ogun. Qui ha studiato ingegneria che, secondo lei, "mi ha costretto a sopprimere il mio spirito creativo per potenziare il mio lato analitico". "L'ho fatto", dice, "per potermi laureare bene e rendere orgogliosi i miei genitori". Descrive il periodo trascorso all'università come non piacevole e non memorabile ed è grata solo per alcune delle persone con cui ha fatto amicizia durante il suo soggiorno.



Social:

Facebook: @preyeitams

Instagram: @preye_itams

Twitter: @preye_itams


0 commenti

Post recenti

Mostra tutti