top of page
  • Immagine del redattoreSoul Collection

Alexander O'Neal resuscita con "Love Finds A Way"

È il singolo di punta dell'album "Testament", previsto per il 2024




È una leggenda vivente che si è fatta conoscere nella scena R&B di Minneapolis, ma che oggi vanta fan in tutto il mondo. Alexander O'Neal è conosciuto soprattutto per la sua serie di successi degli anni '80 e '90, ma ha continuato a registrare anche nel 21° secolo.


Ora, mentre continua il suo Farewell Tour, O'Neal ha pubblicato uno dei suoi singoli più interessanti degli ultimi anni. "Love Finds A Way" è una ballata blues e soul che racconta la cruda storia di un amore sull'orlo del precipizio e del protagonista che spera che le cose possano cambiare in meglio, per creare un amore duraturo.


Il brano incorpora magnificamente la voce stanca di O'Neal, che fornisce una delle sue interpretazioni più ricche di sfumature, come un uomo che ha vissuto così tanto da sapere che ora o mai più è possibile salvare questa relazione. Tutto funziona alla grande.


Il veterano del soul Alexander O'Neal compirà 70 anni a novembre, è attualmente impegnato nel suo tour d'addio e ha appena pubblicato "Love Finds A Way", forse il suo miglior disco dagli anni '80-'90. A maggio ha pubblicato l'EP di quattro brani "Is This Seat Taken".


È il singolo di punta dell'album "Testament", previsto per il 2024, ed è stato scritto insieme ad Alexander e JV Johnson dei Mammas Freedom e vede la partecipazione della band.




Il suo tour di addio, "Time To Say Goodbye", è iniziato l'8 settembre alla Sheffield City Hall e proseguirà l'anno prossimo, culminando in un'esibizione alla Royal Albert Hall di Londra, il 7 giugno '24.


O'Neal è nato nel Mississippi nel 1953 e si è trasferito a nord all'età di 20 anni. Alla fine è finito a Minneapolis e, dopo aver cantato con gruppi come The Mystics, Wind Chymes e Enterprise, si è unito a Jimmy Jam Harris e Terry Lewis nei Flyte Time. Si incontrarono con Prince e Morris Day per formare i The Time ma, secondo Harris, O'Neal litigò con Prince che lo sostituì nei The Time con Morris Day.

In seguito forma un gruppo chiamato Alexander e pubblica un paio di singoli da 12 pollici su etichette indie nel 1982-83, prima di essere scritturato dalla Tabu records di Clarence Avant, appena fondata, nel 1984, inizialmente come corista. Il resto è storia: il suo album di debutto, autointitolato, lancia la sua carriera solista con il classico "If You Were Here Tonight" insieme a "A Broken Heart Can Mend" e "What's Missing". Incredibilmente nessuno di questi brani è entrato in classifica nella Hot 100 di Billboard, ma ha ottenuto buoni risultati nelle classifiche R&B e "If You Were Here Tonight" ha raggiunto la posizione numero 13 nella classifica pop del Regno Unito.


Dall'inizio degli anni 2000 O'Neal vive nel Regno Unito.



Social:

Facebook: @officialalexanderoneal

Instagram: @officialalexanderoneal

Twitter: @officialoneal

0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page