top of page
  • Immagine del redattoreSoul Collection

Arlo Parks al Tiny Desk

La cantante inglese si è esibita al famoso show di NPR




Guardando Arlo Parks leggere un estratto del suo libro di poesie appena pubblicato, The Magic Border, durante la sua esibizione, si è sentito come un momento di chiusura del cerchio per lei. Le sue origini di musicista sono iniziate con la poesia, ma tra una canzone e l'altra ha spiegato che anche i concerti del Tiny Desk hanno piantato i semi durante i suoi anni formativi come artista. "Questa sessione è generalmente uno dei motivi per cui ho deciso di fare musica e sono cresciuta con questa sessione, quindi è davvero speciale essere qui...". Tre anni fa, con la sola chitarra al seguito, ha registrato un concerto in casa Tiny Desk. Due album dopo, l'artista ha ufficializzato la sua presenza dietro al vero Desk, questa volta con una band completa a sostenerla.


A parte "Eugene", dal suo album di debutto nominato ai Grammy e vincitore del Mercury Prize, l'intero set è composto da brani tratti dal suo secondo album, My Soft Machine. I loop di batteria e gli stacchi di My Soft Machine sono molto forti, ma queste versioni ridotte si discostano quel tanto che basta per permettere alla sua voce di essere in primo piano. Sia che parli che canti, la cantautrice britannica mi mette a mio agio e articola in modo eloquente le emozioni più comuni in modi che un semplice profano non potrebbe immaginare. A 23 anni, il suo approccio alla musica poetico e attento ai sentimenti continua a distinguerla da tanti altri della sua categoria e sono ansiosa di sentire come questa storia di crescita continuerà a evolversi.





SET LIST

Blades

Eugene

Pegasus

Impurities

0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

コメント


bottom of page