• Sergio Basilico

Auguri a Mick Talbot

Prezioso tastierista degli Style Council, amante del jazz ed esponente del soul bianco britannico




Michael Talbot (nato l'11 settembre 1958) è conosciuto principalmente per il suo lavoro soul e jazz-pop degli anni '80 con Paul Weller come parte degli Style Council, Mick Talbot è un abile tastierista la cui vasta carriera lo ha visto esibirsi anche con i Dexys Midnight Runners, Galliano, gli Who, Graham Parker, Chris Bangs e Candi Staton, tra gli altri.


Talbot ha suonato con i revivalisti mod della fine degli anni Settanta, i Merton Parkas, i Dexys Midnight Runners e i Bureau e si può vedere nel video musicale di questi ultimi per la loro canzone "Only for Sheep".




È nato a Wimbledon, Merton, Londra nel 1958 e, dopo aver lasciato la scuola, ha svolto diversi lavori umili, tra cui un periodo come manutentore in un campo vacanze. È stato all'età di 20 anni, quando ha formato la band mod revival dei Merton Parkas con suo fratello, il chitarrista Danny, che Talbot ha iniziato a prendere seriamente in considerazione la carriera musicale. Il loro singolo del 1979, "You Need Wheels", divenne un successo minore nel Regno Unito, ma fu il suo abile assolo di pianoforte R&B sul lato B a far cambiare idea a Weller. Quest'ultimo invita Talbot a suonare in una cover di "Heat Wave" di Martha & the Vandellas, che chiude il quarto album dei Jam, Setting Sons, nel novembre dello stesso anno. I Merton Parkas si sciolsero nel 1980, ma in aprile Talbot suonò dal vivo con i Jam in una breve serie di date a Londra. Partecipa anche a So Far Away, l'LP di debutto di un altro gruppo di revival mod, i Chords, pubblicato il mese successivo. Talbot inizia un periodo di quattro mesi nei Dexys Midnight Runners, entrando a far parte della band mentre la loro hit da Top Ten britannica "There, There, My Dear" è ancora in classifica. Prima della fine dell'anno, se ne andò - insieme ad altri quattro membri - per formare i Bureau, essenzialmente un gruppo scissionista dei Dexys che ottenne un singolo numero cinque in Australia e una lunga tournée negli Stati Uniti con i Pretenders. I Bureau furono infine abbandonati dalla loro etichetta e si sciolsero poco dopo un tour nel dicembre 1981.



Dopo nove mesi di disoccupazione nel 1982, Talbot ricevette due importanti telefonate nel giro di una settimana. Una era del management dei Dexys, che gli offriva di tornare all'ovile, e l'altra di Weller, che considerava Talbot uno spirito affine e un collega appassionato di soul, e che voleva formare un duo con lui. Talbot scelse quest'ultimo, e gli Style Council che ne risultarono realizzarono tre album in studio di grande successo nel Regno Unito tra il 1984 e il 1987. Pubblicato un anno dopo la loro partecipazione al Live Aid, Our Favourite Shop del 1985 (intitolato Internationalists negli Stati Uniti) fu il loro unico numero uno nel Regno Unito e si apriva con "Homebreakers", con la voce principale di Talbot.


La band si scioglie nel 1989 e Talbot contribuisce immediatamente al progetto multi-artistico dell'ex batterista degli Style Council Steve White, intitolato A Certain Kind of Freedom. I due hanno continuato a registrare due album come duo: United States of Mind del 1993 e Off the Beaten Track del 1996. Prima di questi dischi, Talbot si era affermato sulla scena acid jazz con i contributi all'album dei Young Disciples del 1991, Road to Freedom. Questo ha portato a un periodo di quattro anni come membro effettivo di Galliano, un'attività chiave dell'etichetta Talkin' Loud di Gilles Peterson. Nel frattempo, Talbot è stato ospite di Parker e di Weller come solista, il più importante dei quali è stato il suo riff di piano Rhodes nel brano "Broken Stones" del 1995, ispirato a Otis Redding e entrato nella Top 20 britannica. La rinascita di Weller e il movimento Brit-pop avevano innescato un'altra rivalutazione del mod. Di conseguenza, a Talbot fu chiesto di registrare nuove versioni di "Afterglow" e "Almost Grown" con il batterista degli Small Faces Kenney Jones per un album tributo molto pubblicizzato intitolato Long Agos and Worlds Apart nel 1996.

Sebbene a questo punto Talbot avesse iniziato a considerarsi un musicista indipendente, gli anni tra il 1996 e il 2000 si rivelarono un intenso periodo di collaborazione con Chris Bangs, il DJ e produttore che per primo coniò il termine "acid jazz". In questi anni la coppia ha pubblicato non meno di sette album: quattro come Soundscape UK e tre come Yada Yada. Mentre il primo progetto si concentrava su un jazz liscio e leggero, guidato dal beat, i loro album con il nome Yada Yada erano leggermente più a sinistra, introducendo un'influenza R&B e funk di strada. Dal 1999 al 2001, Talbot è stato il tastierista in tournée dei Gene, i sopravvissuti del brit-pop guidati da Martin Rossiter. Nel 2003 è tornato con White in un gruppo chiamato Players, che comprendeva anche l'ex bassista degli Ocean Colour Scene Damon Minchella. Nello stesso anno si è riunito ai Dexys e ha continuato a esibirsi dal vivo con loro per il decennio successivo, svolgendo un ruolo chiave nella registrazione del loro acclamato album di ritorno - One Day I'm Going to Soar del 2012 - prima di lasciare ancora una volta. Durante questo periodo, anche i Bureau si sono riformati e sono stati nuovamente attivi dal 2005 fino alla pubblicazione del loro secondo e ultimo album, And Another Thing del 2008. Nel 2009, Talbot è stato in tournée nel Regno Unito al fianco di Candi Staton - come parte di una nuova versione del gruppo acid jazz Push - e alla fine ha girato il mondo con l'icona del Southern soul.

Nel 2014 ha lavorato con Wilko Johnson e Roger Daltrey per l'album in studio collaborativo Going Back Home. Ha inoltre lavorato con Daltrey e Pete Townshend per il loro singolo del 2014 "Be Lucky." e per l'album di Pete Williams Roughnecks + Roustabouts (Basehart Recordings), pubblicato nel marzo 2015.



Nel 2014, i suoi tasti sono stati ascoltati in tutto l'album Going Back Home, una collaborazione di alto profilo tra Wilko Johnson e Roger Daltrey. Questo lo ha portato a suonare su "Be Lucky" di settembre, il primo materiale nuovo pubblicato dagli Who in otto anni. Dopo aver partecipato come ospite a Roughnecks & Roustabouts del 2015, un lavoro solista di Pete Williams - dei Dexys e dei Bureau - Talbot si è preso una meritata pausa per qualche anno. Tuttavia, il 2019 ha portato la messa in onda su Sky Arts di Long Hot Summers: The Story of the Style Council, un documentario retrospettivo con interviste a Talbot e Weller, oltre a un debutto a sorpresa di "It's a Very Deep Sea". Successivamente, Talbot ha suonato l'organo Hammond nell'album On Sunset, numero uno di Weller nel Regno Unito nel 2020. In seguito, si è unito brevemente a un'iterazione riformata del gruppo acid jazz Mother Earth, prima di dedicarsi all'Americana nell'album London Country di Wills & the Willing. Le sessioni con Bangs a Southend e Muswell Hill hanno portato a un album di ispirazione anni '60 del 2022, intitolato Back to Business.


Da allmusic.com


Per festeggiare i 64 anni di Mick Talbot, questa settimana abbiamo inserito in Soul Collection "Long Hot Summer", una canzone degli Style Council che fu anche inclusa nel mini-album Introducing The Style Council del 1983.




0 commenti

Post recenti

Mostra tutti