top of page
  • Immagine del redattoreSoul Collection

Cleo Sol ha pubblicato l'album "Heaven"

Parte dell'enigmatico collettivo londinese Sault, Cleo Sol ha pubblicato il terzo album, un balsamo di riflessioni fresche e sognanti su fede, amore e coraggio.



Fonti: theguardian.com e songtell.com


Non si sa molto dei Sault, anche se il misterioso collettivo londinese ha pubblicato 11 album sorprendenti negli ultimi anni. La loro produzione esiste senza esegesi: non ci sono interviste o foto. Non hanno ancora suonato dal vivo

La cantante soul Cleo Sol è una parte importante dei Sault. Ma rispetto a loro, l'enigmatica vocalist è - quasi - un libro aperto. Sappiamo che aspetto ha. Sappiamo che è nata a Londra come Cleopatra Zvezdana Nikolic; si pensa che i suoi genitori (giamaicano e serbo-spagnolo) si siano incontrati in una jazz band. È presente sui social media e suona dal vivo. All'inizio di quest'anno, Sol ha fatto il tutto esaurito per due serate alla Royal Albert Hall di Londra.


Sappiamo che Sol e Sault condividono anche un'etichetta, la Forever Living Originals (FLO), gestita in modo indipendente dal produttore Inflo (Flo in breve), pseudonimo del decano Josiah Cover, le cui produzioni hanno fatto incetta di Mercury, Mobos, Ivor Novellos e Brits sia per Inflo in particolare che per i suoi clienti. Michael Kiwanuka e Little Simz hanno entrambi realizzato dischi pluripremiati con il produttore e sono stati ospiti delle uscite di Sault; Sol è apparsa su brani di Little Simz come Woman. Inflo e Sol sono una coppia e si presume che sia il loro bambino che dorme sulla copertina del personalissimo album di Sol del 2021, Mother, sorvegliato da una foto sul muro che si pensa sia della madre di Sol.



A parte i suoi post sui social media, alcuni dei quali sono stati cancellati, Sol non ha spiegato in dettaglio la sua arte da un bel po' di tempo. Il più delle volte i dischi di Sol/Sault cadono senza preavviso, come Heaven, il suo terzo lavoro complessivo, poco più di una settimana fa. Il contesto e le motivazioni possono essere solo ipotizzati. (È qui che l'indipendenza di FLO è fondamentale: lasciare che l'arte parli da sola è più facile quando non ci sono più interlocutori da soddisfare).

I tocchi musicali retrò continuano in nove brevi canzoni che sembrano librarsi fuori dal tempo.

Ma se la musica più ritmata di Sault è accompagnata da una spiccata componente politica, la musica di Sol può essere percepita come l'aspetto yin dello yang più estroverso di Sault. Il suo lavoro è freddo, sognante, downtempo; rivolto verso l'interno e spesso consolatorio.

Come quelli precedenti, il suo ultimo disco sembra un balsamo; un aiuto offerto nel contesto delle continue sfide della vita. Sol spesso canta semplicemente di fede, amore e coraggio, tutti elementi che si ritrovano in Heaven. Non è chiaro a chi sia rivolto il brano che dà il titolo all'album, ma sembra riprendere il discorso da dove si era interrotto Mother, ringraziando l'onnipotente per aver avuto un figlio.

Se Heaven risulta un po' meno coeso rispetto ai temi unificanti di Mother, dove Sol cantava della nuova paternità nel contesto della sua esperienza di figlia, è un'offerta breve e delicata che cristallizza il suo fascino distinto. Qui, la sua voce da farfalla, la strumentazione vaporosa e l'ampiezza stilistica sono alleate a una tranquilla rettitudine.



Lezioni difficili, crescita personale e modi di affrontare la vita sono tutti argomenti che trovano spazio in queste canzoni delicate e concrete, che spesso si confrontano con le situazioni quotidiane. Miss Romantic, di gran lunga il brano più poetico, ricorda la tendenza degli anni Novanta a dispensare consigli in forma di R&B: No Scrubs delle TLC, per esempio, o il lavoro di Lauryn Hill. In risposta a un triangolo amoroso, Sol usa il pugno di ferro in un guanto di velluto, reindirizzando un'amica verso il rispetto di sé. La sua voce raggiunge picchi di chiarezza senza ricorrere a melismi vistosi.

Questi tocchi musicali retrò - neo-soul anni '90, soul fusion anni '70, inflessioni jazz - continuano in nove brevi canzoni che sembrano librarsi fuori dal tempo. La più sorprendente, dal punto di vista stilistico, è Airplane, guidata dalla chitarra. Confina con la musica folk degli anni '60. "Troverai il tuo potere/ Uccellino, aspetta", consiglia Sol.

La strada verso il Paradiso è stata tortuosa. Sol ha iniziato più di dieci anni fa come vocalist in brani dell'era pop-grime, tramite il produttore DaVinChe. Dopo una pausa, la cantante è tornata in modo più soul nel 2018 con un EP intitolato Winter Songs - e una serie di temi e motivazioni più personali. Il suo primo album vero e proprio, Rose in the Dark (2020), sembra a tratti rivolto a se stessa più giovane.



Sol non si limita a dare consigli agli altri: molte delle sue canzoni sono rivolte allo specchio. La canzone che questa settimana abbiamo inserito in Soul Collection, Self è un'esortazione, influenzata dal jazz, all'autosviluppo, a fare un lavoro interiore prima di cercare di "cambiare il mondo". ("Ooh, salvami, salvami da me stessa", canta, leggera come una piuma, all'inizio del disco).


La diffidenza di fondo che pervade la famiglia Sault emerge anche nella musica. Old Friends, uno dei brani più diretti di Heaven, chiude con rammarico un'amicizia. "Avevi la mia fiducia e avevamo delle scelte", canta Sol con delicatezza, su un semplice sottofondo di tastiere: "Ma hai raccontato i miei segreti a degli sconosciuti".


Dal punto di vista delle pubbliche relazioni, Sol tiene le cose sotto controllo. Ma si confida con gli estranei, nello spazio controllato della sua musica, dove i confessionali sulla sua vita e su quella di chi le sta intorno si aprono generosamente, pieni di amore e di riflessioni consapevoli. E se queste canzoni a volte si sentono sottotono - molte sono brevi schizzi jazz che sembrano entrare e uscire di nuovo - contrastano in modo netto con la musica sovrascritta, con deficit di attenzione, creata per spopolare nelle playlist Spotify di oggi. A volte tutto ciò di cui si ha bisogno è un po' di tenerezza.




"Self" è tratto dal nuovo album di Cleo Sol, Heaven, via Forever Living Originals.

Con la batteria costante e raffinata di Inflo, il basso abile, un mezzo riff di pianoforte alla Guaraldi e la voce morbida, vulnerabile ma sicura di Cleo Sol, è un ascolto magnifico.

"Self" di Cleo Sol sembra esplorare i temi della scoperta di sé, della crescita personale e dell'introspezione. Nella prima strofa, la cantante riflette sul bisogno di essere salvata da se stessa e sul desiderio di gentilezza nei confronti del proprio percorso. Riconosce che è giunto il momento di dare priorità al proprio benessere, evitando di perdere il proprio sé autentico nel processo. Questo può suggerire la consapevolezza che il vero cambiamento e l'impatto nel mondo possono venire solo da una base di accettazione e cura di sé.

La seconda strofa introduce un elemento spirituale, con il cantante che chiede a Dio protezione e luce. Esprimono un desiderio di guarigione, non solo per se stessi, ma anche per gli altri che stanno lottando internamente. Il verso "Cresco ogni giorno" indica un processo continuo di miglioramento di sé, sottolineando l'importanza dello sviluppo personale.

Il testo si sofferma anche sulla rinuncia all'orgoglio, sulla trasformazione della rabbia in pace e sulla guida del bambino interiore. Ciò potrebbe implicare la necessità di lasciar andare il comportamento guidato dall'ego, alimentando un senso di innocenza e curiosità infantile che consente connessioni e comprensioni più profonde.

Complessivamente, "Self" esplora il viaggio del riconoscimento dei propri difetti, della ricerca della crescita personale e della ricerca della forza nella vulnerabilità. Evidenzia l'importanza della consapevolezza di sé e della compassione come elementi essenziali per apportare cambiamenti positivi nella propria vita e nel mondo circostante.






0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page