• Sergio Basilico

D'Angelo, il re del neo-soul

D’angelo è stato l'artista del mese di febbraio in Soul Collection




Da più di un anno, all’interno della nostra programmazione settimanale, trova spazio come secondo brano in playlist, una canzone selezionata dalla discografia dell’artista del mese. Per tutto il mese di febbraio ci ha accompagnato D’Angelo, un cantante, polistrumentista e compositore nato a Richmond 48 anni fa, che di nome fa Michael Archer.


Per molti D'Angelo è tra i musicisti che hanno dato nuova vita alla soul Music, anche se altrettanti lo considerano una stella dell'R&B. Quanto al diretto interessato, si definisce semplicemente "un artista". D'Angelo, preferisce non essere classificato. «Non mi sento un musicista R&B» ha spiegato. «L'R&B, com'è inteso oggi, per me è molto simile al pop. Non mi considero neppure un artista hip-hop. Mi considero solo un artista, un artista che fa black music. Tutto ciò che c'è nella mia musica deriva dall'hip-hop, dal funk e dal soul, dal gospel e dal blues. E per me sono un'unica cosa».



Nel 1995 debutta con l'album Brown Sugar, che conquista quella fascia di pubblico alla ricerca di un connubio tra hip hop e R&B diverso dalla musica che occupa abitualmente la classifica.

Alla stregua di Erykah Badu, Lauryn Hill e Maxwell, D'Angelo diviene parte integrante del movimento neo-soul.



Nei primi mesi del 2000 esce Voodoo, che fa vincere a D'Angelo il Grammy Award per Best Male R&B Vocal Performance, grazie al singolo “Untitled (How Does It Feel)”, mentre l'album vince il premio Best R&B Album.



Nel dicembre 2014 l'artista annuncia la pubblicazione di un nuovo album a 14 anni di distanza dal precedente: si tratta di Black Messiah, anche in questo caso vince il Grammy per il Best R&B Album e quello per Best R&B song con il brano “Really Love”.



Da non dimenticare, per noi di Soul Collection, la sua esibizione nel luglio 2015 a Milano nella cornice dell’Estathe Market Sound, che lo vede in compagnia dei The Vanguard, l’eccellente band che lo accompagna, composta da Chris Dave, Pino Palladino, Jesse Johnson, Isaiah Sharkey, Kendra Foster e Cleo “Pookie” Sample.


Soul Collection Playlist:

1) Brown Sugar (1995)

2) Untitled (how does it feels) (2000)

3) Devil’s Pie (1998)

4) Ain’t That Easy (2014)


Brown Sugar è un singolo, title-track dell’album di debutto del 1995, prodotto insieme a Kedar Massenburg, Ali Shaheed Muhammad, Raphael Saadiq e Bob Power.




"Untitled (How Does It Feel)" è una canzone pubblicata il 1 ° gennaio 2000, dalla Virgin Records come singolo radiofonico in promozione del suo secondo album in studio Voodoo (2000). Scritta e prodotta da D'Angelo e Raphael Saadiq, la canzone è stata originariamente composta come un omaggio a Prince. "Untitled (How Does It Feel)" contiene un suono simile a quello dei primi lavori musicali di Prince. La canzone ha vinto un Grammy Award per la migliore performance vocale R&B maschile alla 43ª edizione dei Grammy Awards nel 2001.




"Devil's Pie" è una canzone pubblicata il 31 ottobre 1998 su Virgin Records. È stata pubblicata come singolo promozionale per il suo secondo album in studio, Voodoo del 2000. La canzone è stata composta da D'Angelo e dal produttore hip hop DJ Premier del gruppo Gang Starr. La canzone è apparsa nella colonna sonora del film Belly del 1998, un film drammatico che vede protagonisti i rapper Nas e DMX al loro debutto cinematografico. DJ Premier ha originariamente realizzato la traccia per Canibus, ma in seguito l'ha offerta a D'Angelo dopo che Canibus ha rifiutato la canzone.




"Ain’t That Easy", scritta insieme a Q-Tip e Kendra Foster, è la canzone che apre l’album Black Messiah pubblicato a fine anno 2014, in cui è accompagnato da The Vanguard – la sua band – e, in diversi brani, anche da Pino Palladino, James Gadson e Questlove.




Discografia:

1995 – Brown Sugar

2000 – Voodoo

2014 – Black Messiah



Social:

Facebook: @dangelo

Instagram: @thedangelo

Twitter: @TheDangelo




0 commenti

Post recenti

Mostra tutti