• Soul Collection

I Force MD's hanno una strada a New York

La loro città natale li ha celebrati lo scorso 27 agosto.




Staten Island, New York, ha rinominato una strada con il nome dei Force MDs, attraverso una celebrazione che si è svolta sabato 27 agosto.


Con la sigla "MD" che sta per "Musical Diversity", i Force MD sono emersi a Staten Island nel 1981 come una ventata di aria fresca, combinando abilmente ritmi hip-hop e armonie soul. Inizialmente composto da Daniels e dai fratelli Stevie, Antone e Rodney Lundy, il gruppo è diventato rapidamente un sestetto con l'inclusione di Trisco Pearson e Charles "Mercury" Nelson.



Dopo essersi guadagnato una meritata reputazione per la creatività nell'area di New York, il gruppo è stato messo sotto contratto dall'emergente Tommy Boy Records e ha subito ottenuto un successo con la ballata "Tears" del 1984 e con l'album di debutto Love Letters. La miscela di stili dei Force MD ha entusiasmato i critici e ha reso il gruppo un immediato beniamino della critica, anche prima che arrivassero grandi vendite.


Ma le vendite arrivarono nel corso degli anni '80, in particolare con la canzone simbolo del gruppo, "Tender Love", un numero di Jam/Lewis che raggiunse la top 10 sia della classifica R&B che di quella pop, e con "Love Is A House", che arrivò al n. 1.



I Force MD continuarono a registrare con un certo successo negli anni '90, prima che una serie di tragedie impensabili si abbattesse sui membri, con la morte precoce di Nelson nel 1995 e di Antone Lundy nel 1998. Diversi membri si sono poi avvicendati, tra cui Daniels, mentre i Force MD si allontanavano silenziosamente dalle luci della ribalta.


Negli anni 2010 il gruppo ha ricominciato a esibirsi, ma la tragedia si è ripetuta con la morte di Trisco Pearson per cancro nel 2016. I Force MD, ora composti da Stevie e Rodney Lundy e Zieme Capers, hanno continuato a registrare indipendentemente con un certo successo, guadagnandosi una nomination ai SoulTracks Readers' Choice Award nel 2020 per la ballata "Fly With You".




By Chris Rizik di soultracks.com

0 commenti

Post recenti

Mostra tutti