• Soul Collection

L’ex rapper The Kidd Creole riconosciuto colpevole di omicidio

Il veterano rapper di Grandmaster Flash and the Furious Five riconosciuto colpevole di omicidio colposo nell'accoltellamento di un senzatetto nel 2017




Nathaniel Glover, conosciuto con il nome d'arte The Kidd Creole (da non confondere con Kid Creole aka August Darnell), è un ex rapper statunitense, uno dei pionieri dell'hip hop old school come membro del gruppo Grandmaster Flash & the Furious Five con suo fratello Melle Mel.

Nato nel Bronx, New York, The Kidd Creole e suo fratello Melvin (alias Melle Mel) si unirono a Keef Cowboy (Keith Wiggins) nel 1978 per formare i Three MC's, con la produzione curata da Grandmaster Flash (Joseph Saddler). Dopo che due altri MC si unirono a loro; Scorpio (originariamente Mr. Ness, alias Ed Morris) e Raheim (Guy Williams), il gruppo diventò Grandmaster Flash & the Furious Five.


Secondo ABC 7, ieri il 62enne Nathaniel Glover, è stato riconosciuto colpevole di omicidio colposo di primo grado da una giuria della Corte Suprema di New York.

Il nativo del Bronx, è stato arrestato più di quattro anni fa per aver presumibilmente accoltellato il 55enne John Jolly per le strade di Midtown, Manhattan.




L'incidente è avvenuto poco prima della mezzanotte del 1 agosto 2017, mentre Creole stava camminando verso la sua sede di lavoro. Creole ha riferito alle autorità che l'alterco è iniziato quando John Jolly, che non aveva mai incontrato, si è avvicinato a lui per strada chidendogli: "Come va?".

"Signore e signori, questa è New York City. Sono le 12 di notte. Chi vi dice 'Come va?' con buone intenzioni?". Questo è quanto l'avvocato di Creole, Scottie Celestin, ha detto alla giuria. "Il suo timore per la sua vita era ragionevole".



L'avvocato di Creole ha sostenuto che il suo cliente ha agito per autodifesa quando ha tirato fuori un coltello e ha pugnalato Jolly due volte al petto. La vittima fu trasportata al Bellevue Hospital, dove alla fine morì. La difesa ha sostenuto che Jolly, che era presumibilmente intossicato durante l'attacco, ha subito ferite da taglio non mortali, e che la sua morte è stata causata da un mix di alcol e un sedativo che il personale dell'ospedale gli aveva dato.


I procuratori hanno respinto le richieste di autodifesa, e hanno riferito di un'intervista della polizia in cui Creole avrebbe ammesso di aver attaccato Jolly perché credeva che l'uomo ci stesse provando con lui. Durante un'intervista del 2021 con Source, Creole ha negato che le sue azioni derivassero dall'omofobia.


"Ora sto combattendo l'immagine che mi hanno ritratto come una persona intollerante verso le persone con stili di vita alternativi e questo non è vero", ha detto alla rivista. "[...] Mi hanno fatto sembrare come se io fossi il cattivo e la persona che mi ha attaccato fosse la vittima. Come giustificano l'accusa di omicidio quando questo tizio mi ha attaccato?".


L'udienza di condanna di Creole è fissata per il 4 maggio.




0 commenti

Post recenti

Mostra tutti