top of page
  • Soul Collection

Leon Thomas parla di "Breaking Point"

In un’intervista, il cantante, autore e produttore parla anche dell'imminente album di debutto, del suo contributo all'album "SOS" di SZA e di altro ancora.




L'energia raggiante di Thomas è l'esatto contrario del tono del suo nuovo singolo "Breaking Point", prodotto da Don Mills. La ballata malinconica, lo vede al bivio di una relazione che non funziona più. Thomas canta della sua riluttanza a porre fine alle cose ("I don't wanna go nowhere"), ma sa di non avere altra scelta a questo punto ("this is what I'm supposed to do").

Thomas racconta che la canzone è stata ispirata dalla sua esperienza personale in una relazione. "Di recente ho attraversato una rottura e sentivo di aver bisogno di una canzone che parlasse di alcune delle emozioni e dei sentimenti che stavo vivendo", spiega.


"Abbiamo messo insieme qualcosa che ricordasse D'Angelo e alcuni maestri del neo-soul dei primi anni 2000 che rispetto e amo. Ci sono così tanti aspetti diversi di questa canzone, dal punto di vista del testo, che si riflettono nel 'perché' dello stile di produzione che ho utilizzato. Avevo bisogno che la gente sentisse davvero quello che il mio cuore stava attraversando in questo momento di tensione".



"Breaking Point" è il terzo singolo dell'imminente album di debutto di Thomas, Electric Dusk, che uscirà nel 2023 per la EZMY Records e la Motown Records di Ty Dolla $ign.

È il seguito delle sue canzoni "X-Rated" e "Love Jones" con Ty Dolla $ign.


Nell'intervista di Rated R&B a Leon Thomas, l'attore-cantante parla di "Breaking Point", che fa anche parte di uno spot Beats By Dre con l'icona NBA LeBron James e suo figlio Bronny James. Thomas parla anche di Electric Dusk, della sua esperienza nel contribuire all'album SOS di SZA, della collaborazione con Babyface e di altro ancora.




L’intervista di Rated R&B (da ratedrnb.com) :


Nella nostra intervista del 2018, ci avevi accennato che eri aperto a firmare per una major, ed eccoti qui, quattro anni dopo, con EZMNY Records/Motown Records. Cosa ha scatenato il tuo interesse?


Penso che i contratti discografici siano un processo interessante perché hai bisogno di dirigenti e partner che capiscano la musica che stai cercando di creare e che ti aiutino a mettere insieme gli elementi costitutivi, in modo che riflettano il viaggio creativo che stai cercando di creare. Ty è stato in grado di creare il suo mondo. Ho avuto la fortuna di essere uno strumento di scrittura con lui in alcuni dischi e di stargli vicino a livello di produzione negli ultimi due anni.

Quando ho iniziato a fargli ascoltare alcune delle mie canzoni, mi ha sostenuto molto e ha parlato bene di tutto quello che stavo facendo. Sentivo che avere un dirigente e un artista coinvolti nel mio prossimo lavoro sarebbe stato un processo molto importante. Ho letto un libro intitolato La maestria. Parla dell'apprendistato e della frequentazione di persone che hanno realizzato le cose che vuoi fare nella vita. Vedendo ciò che è stato in grado di realizzare, mi piace seguire i suoi consigli. Non vengono solo da un elegantone, ma da qualcuno che è forte e che ha capito tutto.



Dal punto di vista sonoro, "Breaking Point" è molto diverso dai due brani precedenti. Cosa ha ispirato lo stile di produzione?


È una delle canzoni più recenti che ho inserito nell'album. Mi sembra che molte delle batterie breakbeat sporche e alcune delle vibrazioni che avevo negli altri dischi non si adattassero necessariamente all'emozione esatta che provavo in quel momento. Abbiamo messo insieme qualcosa che ricordasse più D'Angelo e alcuni del neo-soul dei primi anni 2000 che rispetto e amo. Ci sono così tanti aspetti diversi di questa canzone, dal punto di vista del testo, che si riflettono sul perché dello stile di produzione che ho utilizzato. Avevo bisogno che la gente sentisse davvero quello che il mio cuore stava attraversando in questo momento di tensione.


"Breaking Point" fa parte di uno spot pubblicitario della Beats By Dre con LeBron James. Come ci si sente ad avere un disco così vulnerabile messo in risalto in questo modo?


Prima di tutto, LeBron James è fenomenale, una vera e propria leggenda. Seguo il suo lavoro da anni e ho trascorso del tempo con lui e i suoi figli ai tempi in cui lavorava con Nickelodeon. È una persona davvero gentile. Mi sento fortunato ad avere questa canzone in uno spot pubblicitario, soprattutto con la grande azienda Beats By Dre. Apple è di livello superiore. È una vera benedizione per me. Sono entusiasta di far parte di tutto questo. Abbiamo cambiato un paio di testi per adattarli all'atmosfera dello spot in particolare.



Prima hai parlato di costruire un mondo con la sua musica. Che tipo di mondo stai creando con Electric Dusk?


Ho prodotto e scritto dischi per alcuni dei miei artisti preferiti [e] alcuni dei più grandi artisti del mondo. Credo che uno dei miei punti di forza in questo momento, dal punto di vista musicale, sia la mia capacità di ingegnerizzarmi, di alzare il tono della mia voce e di sperimentare con elementi di R&B alternativo. Volevo tuffarmi in quel panorama in modo più sperimentale, un po' più impavido, e attaccare il mercato con qualcosa che potessi definire mio. In questo album ho suonato gli strumenti per la maggior parte del disco: basso, chitarra e batteria. Ho arrangiato tutte le mie parti di archi. Ho mixato questo album da solo. È una vera e propria incarnazione completa dell'interno del mio cervello. Quando lo ascolterete, sentirete tutte le diverse influenze che ho avuto da una generazione all'altra e vedrete esattamente a che punto sono quando si tratta di R&B e di ciò che mi piace dire e come lo voglio dire. Era importante per me fare qualcosa che fosse autenticamente me stesso.


Hai unito le forze con Babyface per lavorare a "Snooze" del nuovo album di SZA, SOS. Com'è stata l'esperienza?


È stata un'esperienza intensa. Sono venuto nel suo studio ogni singolo giorno. Per due o tre anni sono andato via e mi sono diplomato alla "Babyface School of R&B", sono andato là fuori e ho iniziato a fare tutti questi dischi rap - stavo lavorando con Drake. Così, quando sono tornato, ho fatto ascoltare il mio album e [Babyface] mi ha dato i suoi appunti e le sue prospettive su certe cose. Mi ha detto: "Yo, sto facendo questo album in collaborazione con un gruppo di dive R&B della nostra generazione. Ci sarà SZA". Mi sono detto: "Iscrivimi, sarò qui domani, signore!".

Così mi sono presentato. Io e il mio partner di produzione Khris [Riddick-Tynes] eravamo super nervosi. SZA si è presentata ed è stata gentilissima. L'avevo già incontrata in passato, ma questa è stata una grande reintroduzione al suo nuovo mondo musicale. Sono felice di aver potuto collaborare con creatori così forti. Abbiamo anche lavorato con un ragazzo scozzese di nome BLK. Ci ha inviato alcune parti. Il tutto è nato molto velocemente. Ha scritto ["Snooze"] in un'ora. Non eravamo sicuri che l'avrebbe usata, quindi è una grande fortuna.





Social:

Facebook: @LeonThomasMusic

Instagram: @leonthomas

Twitter: @leonthomas

0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
bottom of page