top of page
  • Immagine del redattoreSoul Collection

Let's Get It On di Marvin Gaye in versione Deluxe per il 50° anniversario

L'edizione deluxe dell'album contiene 33 tracce bonus, tra cui brani di una sessione perduta di Herbie Hancock.



Quest'anno l'hip-hop festeggia il suo 50° anniversario. Ma il 2023 segna anche l'anniversario d'oro di uno degli album più fondamentali dell'R&B, Let's Get It On di Marvin Gaye.

Let's Get It On, il pionieristico seguito erotico ed emotivo di What's Going On, l'album rivoluzionario di Gaye del 1971, è ora al centro di un pacchetto per il 50° anniversario rivisto digitalmente. Pubblicato questa settimana (25 agosto) da Motown/UMe, Let's Get It On: Deluxe Edition vanta 33 tracce bonus, 18 delle quali inedite e che includono brani di una sessione perduta dell'icona jazz Herbie Hancock. Il nuovo pacchetto sostituisce un'edizione deluxe dell'album pubblicata per la prima volta nel 2001.


La title track "Let's Get It On", pubblicata in fretta e furia come singolo apripista ancor prima che l'album fosse completato, divenne una hit R&B e pop numero 1. I successivi classici dell'album includono "Distant Lover" e "You Sure Love to Ball", oltre a "Come Get to This" e "Just to Keep You Satisfied". L'album di otto tracce ha trascorso 11 settimane al n. 1 della classifica degli album R&B di Billboard, ha raggiunto il n. 2 della Billboard 200 ed è stato inserito nella Grammy Hall of Fame nel 2004.



Tuttavia, in Let's Get It On: Deluxe Edition è presente anche l'affascinante e lungo viaggio di Gaye che ha dato vita all'album originale dell'agosto 1973. Oltre alla pubblicazione dell'album, il 1973 fu un anno importante per la Motown. La storica etichetta del fondatore Berry Gordy festeggiava il suo primo anno completo a Los Angeles dopo il trasferimento da Detroit. E questa celebrazione si tradusse in una serie di altre uscite discografiche. Il raccolto del 1973 comprende Masterpiece dei Temptations, il terzo album omonimo di Eddie Kendrick, Touch Me in the Morning di Diana Ross, Innervisions di Stevie Wonder e il debutto solista di Smokey Robinson, Smokey.


In quel periodo, un Gaye sperimentale era impegnato a seguire ovunque la sua musa creativa lo portasse. Durante sei mesi di sessioni di registrazione, lavorò con collaboratori come l'artista/cantautore/produttore Ed Townsend, gli arrangiatori Rene Hall e David Van DePitte e musicisti di alto livello come il chitarrista Melvin "Wah Wah" Ragin e i bassisti Wilton Felder e James Jameson, oltre a Hancock. È la musica inutilizzata di queste sessioni - mix inediti, intriganti brani strumentali, versioni inedite di ballate registrate - a impreziosire l'edizione deluxe. Inoltre, mettono in luce la versatilità di Gaye sia dal punto di vista musicale che vocale, in un periodo in cui era alle prese con un matrimonio fallito e una nuova storia d'amore, mentre era alle prese con la questione della spiritualità contro la carne.



"Due delle cose più grandi che sono accadute alla Motown sono state quando Stevie Wonder e Marvin Gaye hanno prodotto la loro musica", ha detto Smokey Robinson durante un evento speciale del Grammy Museum all'inizio di questa settimana (23 agosto) per commemorare il 50° anniversario dell’album. Moderato dal vicepresidente di UMe A&R Harry Weinger, il panel di ospiti speciali comprendeva il cantautore/produttore Jimmy Jam e il biografo di Gaye David Ritz (Divided Soul: The Life of Marvin Gaye). Tra il pubblico: I figli di Gaye, Marvin III e Nona.


Nel delineare la mentalità di Gaye nel 1973, Ritz ha fatto riferimento a un verso del brano che dà il titolo all'album: "Siamo tutti persone sensibili con tanto da dare". Come ha spiegato Ritz, "Marvin era un'anima bellissima, estremamente affascinante e divertente, un uomo complicato, sempre profondo. [Con questo album era entusiasta perché poteva esprimere un'altra parte della sua personalità. Ha preso il caos della sua vita e lo ha armonizzato, prendendo elementi disparati e intrecciandoli insieme. Sapeva che si trattava di un lavoro pesante e autobiografico. Ma era un'opera che la gente amava".



Weinger ha anche presentato in anteprima diversi brani dell'edizione deluxe, tra cui "The Shadow of Your Smile" ("Marvin voleva essere il Sinatra nero; poteva cantare qualsiasi cosa", ha detto Robinson) e lo strumentale "Perfection" con Hancock al piano e Gaye alla scrittura/produzione. Ad attirare gli "ahh" del pubblico è stato il mix stripped-down di "Just to Keep You Satisfied" del guru del remix John Morales, che mette squisitamente in risalto la voce bruciante di Gaye.


"Ascoltare questo brano mi sembra una musica da paradiso", ha detto Jam di Let's Get It On. "È un album brillante e sublime con messaggi molto potenti. Con Marvin, più si scava in profondità e più si migliora".


Secondo Motown/UMe, l'originale Let's Get It On sarà disponibile anche in Dolby ATMOS in onore del suo 50° anniversario. Sono in programma anche altri progetti: Motown/UMe presenterà in anteprima nuovi contenuti video per alcuni brani e un'edizione in vinile colorato dell'album originale, disponibile solo per l'e-commerce.

0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
bottom of page