top of page
  • Immagine del redattoreSoul Collection

Muore a 77 anni Bobby Eli, chitarrista di MFSB e Philadelphia International

Il chitarrista inserito nella Musicians Hall of Fame ha suonato in innumerevoli classici della discoteca: "The Love I Lost", "Love Train", "Disco Inferno" e decine di altri.




È morto Bobby Eli, chitarrista e cofondatore delle leggende della disco MFSB, che ha plasmato il sound di Philadelphia suonando in diverse registrazioni della Philadelphia International. Il Philadelphia Inquirer ha confermato la notizia con la moglie di Eli, Vonnie, che ha dichiarato che il marito è morto nel sonno nella sua casa di Havertown, in Pennsylvania, il 17 agosto. Sebbene Eli abbia avuto un ictus nel 2016, la sua morte è avvenuta per cause naturali. Gli Spinners, che hanno collaborato con Eli a successi come "I'll Be Around" e "Could It Be I'm Falling in Love", hanno pubblicato la notizia su Instagram la scorsa settimana. Eli aveva 77 anni.



Eli faceva parte della band dei Sigma Sound Studios dell'etichetta internazionale di Filadelfia, che proponeva R&B e soul tratti dalla Motown e dalla Muscle Shoals Rhythm Section verso inni da discoteca ballabili. Lavorando a fianco dei musicisti di sessione, i produttori Kenneth Gamble e Leon Huff svilupparono questo stile con successi come "Love Train" e "Back Stabbers" degli O'Jays, entrambi con Eli alla chitarra, canzoni che abbinavano testi soul e politici a ritmi più danzerecci che si diffondevano nella vicina scena di New York, dove la disco stava nascendo nei club. Eli fa risalire la disco stessa alle innovazioni del batterista Earl Young in "The Love I Lost", il successo di Teddy Pendergrass del 1973 con Harold Melvin & The Blue Notes, in cui Eli suonava la chitarra.



La band di Gamble e Huff formò gli MFSB all'inizio degli anni '70, scrivendo la loro canzone simbolo, "TSOP (The Sound of Philadelphia)", come tema per il programma di varietà Soul Train; fu la prima sigla a raggiungere il n. 1 della Billboard Hot 100. Il loro singolo successivo, "Love Is the Message", è diventato un punto fermo delle leggendarie feste al Loft di David Mancuso. Con gli MFSB, Eli ha fuso un senso di armonia jazz con una sensibilità gospel. Soprannominato "Electronic Eli" per il suo abile uso di pedali ed effetti, il chitarrista e autore di canzoni creava semplici figure melodiche che servivano allo slancio delle canzoni, a volte raddoppiando una linea di basso o aggiungendo un gancio che gli archi e i fiati scalavano e addolcivano.



Mentre la MFSB cavalcava l'onda della disco e alla fine passava alla sua seconda iterazione come Salsoul Orchestra, Eli e i suoi compagni integravano le loro entrate con performance dal vivo tra un lavoro e l'altro su classici della disco come "Disco Inferno" dei Trammps e il debutto di Grace Jones, Portfolio; Eli suonò anche con Sister Sledge (insieme a Nile Rodgers), Curtis Mayfield e, più tardi, Elton John e Isaac Hayes. Si è descritto come un ebreo bianco inserito nella scena patchwork di Philadelphia, ed è stato selezionato per il Who's Who of Black Americans del 1978 prima di informarli del suo background.

0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comentários


bottom of page