top of page
  • Immagine del redattoreSoul Collection

Noname al Tiny Desk

Con Smino e Saba esegue l'inedito "kush and love songs"



Tra i mille e passa concerti del Tiny Desk, raramente un artista torna al Desk. Ma quando lo fa, ci sono un paio di requisiti: presentarsi in una nuova iterazione o presentare qualcosa di completamente diverso. In questo caso, l'emcee-attivista di Chicago Noname fa entrambe le cose, quando esegue alcuni brani rivoluzionari tratti dal suo terzo album, Sundial, e presenta in anteprima un singolo inedito del trio hip-hop Ghetto Sage, composto da lei e dai suoi frequenti collaboratori, Smino e Saba.


Molte cose sono cambiate da quando Fatimah Warner ha pubblicato il suo classico debutto, Telefone, nel 2016 e ha fatto la sua prima apparizione dietro il Tiny Desk nel 2017. Ha pubblicato uno splendido seguito, Room 25, e ha anche messo brevemente in pausa la sua carriera musicale per approfondire il suo lavoro di attivista. Tuttavia, l'intento di mostrare uno specchio a se stessa, alla sua comunità e all'industria musicale è una firma che persiste in tutta la sua carriera, e ancora di più nel suo album Sundial.


Completata dalla sua dinamica band di sei elementi, Noname esegue alcune selezioni dall'album, tra cui il gospel "hold me down", che descrive perfettamente come "una piccola lettera d'amore alla mia comunità". Poi entra in "boomboom" con la vocalist Ayoni, che offre una performance cruda e potente. Invita poi Smino e Saba a eseguire l'inedito "kush and love songs", con battute intelligenti e consapevoli su un groove swing. Per concludere lo spettacolo con i "palloncini", Noname chiede al pubblico: "Dove meglio di NPR per fare la mia canzone più controversa? Il vero giornalismo".





SET LIST


"namesake"

"hold me down"

"boomboom" (feat. Ayoni)

"Don't Forget about me"

"kush and love songs" (as Ghetto Sage)

"balloons"

0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page