top of page
  • Immagine del redattoreSoul Collection

Quanto ci piace “Gravy” di BJ The Chicago Kid

'Gravy' non è solo un album, ma un viaggio attraverso l'evoluzione del soul e dell'R&B, infuso di sensibilità moderna e di profonda profondità lirica. Questa settimana abbiamo scelto Crazy Love con Andra Day.




Rinomato per la sua voce emotiva e soul, BJ The Chicago Kid fa un ritorno sorprendente con il suo ultimo album, "Gravy". Questo progetto segna una significativa evoluzione rispetto ai suoi precedenti EP, "Three" e "4AM", mostrando un suono maturo e raffinato. In collaborazione con l'acclamato produttore Yeti Beats, noto per il suo lavoro con artisti come Doja Cat e Burna Boy, BJ The Chicago Kid si addentra in una profonda esplorazione della moderna musica soul.


Yeti Beats & BJ The Chicago Kid

Yeti Beats apporta una prospettiva unica all'album, influenzato pesantemente da icone classiche del soul come Al Green. "Registrare un album soul a Memphis è sempre stato il mio sogno", afferma Yeti. "BJ era il partner perfetto per questa impresa. La sua profonda comprensione e il suo amore per la musica soul hanno plasmato in modo significativo il suono autentico dell'album".


BJ The Chicago Kid definisce "Gravy" come l'epitome del cool, una rappresentazione di massima sicurezza e stile. "Questo album parla di come ci si presenta, di come si afferma la propria presenza e di come si eccelle nella vita", spiega BJ. "È l'anima della musica e, a sua volta, la musica diventa il 'sugo' che definisce chi sono".


L'album è un ricco arazzo di 15 brani, ognuno dei quali intreccia una storia unica. Il fascino dell'album è ulteriormente amplificato dalle collaborazioni con artisti come Freddie Gibbs, Coco Jones, Chloe Bailey, Robert Glasper, Phillip Bailey, Cory Henry e Andra Day, ognuno dei quali aggiunge al progetto il proprio tocco distintivo.




Social:

Facebook: @bjthechicagokid @AndraDayMusic @yeti.beats.7

Instagram: @bjthechicagokid @andradaymusic @yetibeats

X or Twitter: @BJTHECHICAGOKID @AndraDayMusic @YetiBeats


0 commenti

Comments


bottom of page