• Sergio Basilico

Roy Ayers compie 82 anni

Il musicista jazz, amante della fusion e tra i creatori del neo soul, è un grande vibrafonista




Il compositore jazz e vibrafonista Roy Ayers è nato il 10 settembre 1940 a Los Angeles, in California, da Ruby Ayers e Roy Ayers senior. La madre di Ayers, insegnante di scuola e istruttrice di pianoforte, iniziò a insegnargli la musica quando era ancora un bambino. Cresciuto nei pressi di Central Avenue, il cuore della scena jazz della West Coast, Ayers è stato esposto ai luminari locali fin dalla più tenera età. A cinque anni, Ayers ricevette il suo primo set di mazze per vibrafono dal bandleader Lionel Hampton. Ayers ha frequentato la Thomas Jefferson High School, dove molti dei suoi compagni di classe sono diventati famosi artisti jazz e R&B.



Ayers suonò dapprima la steel guitar e il pianoforte e non studiò il vibrafono fino all'incontro con il vibrafonista Bobby Hutcherson all'età di diciassette anni. A ventidue anni, Ayers inizia la sua prolifica carriera discografica come sideman del sassofonista jazz Curtis Amy. Nel 1963, Ayers pubblica il suo primo album, West Coast Vibes, e continua a registrare con il Jack Wilson Quartet, Chico Hamilton e la Gerald Wilson Orchestra negli anni '60, prima di unirsi al flautista jazz Herbie Mann al club The Lighthouse di Hermosa Beach, in California. Mann ha prodotto tre album di Ayers per la Atlantic Records e Ayers è stato uno dei principali solisti nell'album di successo di Mann, Memphis Underground. Nel 1970 Ayers si trasferisce a Manhattan e forma i Roy Ayers Ubiquity, che segnano il suo passaggio alla jazz fusion. Gli Ubiquity pubblicano una serie di dischi per Polydor Records, tra cui successi come "We Live in Brooklyn" e "Everybody Loves the Sunshine". Alla fine del decennio, Ayers si dedica alla musica da solista con brani come Let's Do It. Nel 1980, Ayers inizia a collaborare con il musicista nigeriano Fela Kuti e forma la Uno Melodic Records. Ayers considera In The Dark, pubblicato su Columbia Records nel 1984, come una delle sue migliori registrazioni.



Ha continuato a pubblicare album annuali per tutti gli anni Novanta. Allo stesso tempo, i lavori di Ayers sono stati remixati, coverizzati e campionati dall'emergente generazione hip hop, che comprendeva artisti come Mos Def, Puff Daddy e Mary J. Blige. Nel 1993, Ayers è apparso su Jazzmatazz, Vol. 1 del rapper dei Gang Starr Guru, uno dei primi album a combinare una band jazz dal vivo con una produzione hip hop. La cantante Erykah Badu ha definito Ayers il padrino del Neo-Soul.


(da the historymakers.org)


Discografia:

1963 – West Coast Vibes

1967 – Virgo Vibes

1968 – Stoned Soul Picnic

1969 – Daddy Bug

1970 – Ubiquity

1978 – Let’s Do It

1978 – You Send Me

1979 – Fever

1979 – No Stranger Love

1980 – Love Fantasy

1981 – Africa, Center of the World

1982 – Feeling Good

1983 – Silver Vibrations

1983 – Drivin’ On Up

1984 – In the Dark

1985 – You Might Be Surprised

1987 – I’m the One (For Your Love Tonight)

1989 – Wake Up

1995 – Nasté

2000 – Perfection



(come Roy Ayers Ubiquity)

1972 – He’s Coming

1973 – Red Black and Green

1973 – Virgo Red

1974 – Change Up the Groove

1975 – A Tear to a Smile

1975 – Mystic Voyage

1976 – Everybody Loves The Sunshine

1976 – Vibrations

1977 – Lifeline

1978 – Starbooty



(album collaborativi)

1963 – The Jack Wilson Quartet featuring Roy Ayers (w/ Jack Wilson Quartet)

1966 – Ramblin’ (w/ Jack Wilson Quartet)

1970 – Unchain My Heart (w/ Bruno Carr, Miroslav Vitous, Sonny Sharrock)

1978 – Step in to Our Life (w/ Wayne Henderson)

1980 – Prime Time (w/ Wayne Henderson)

1980 – Music of Many Colors (w/ Fela Anikulapo Kuti)

1997 – Smiling Faces (w/ The Soul Society)

1998 – Spoken Word (w/ Bonita Brisker)

2002 – Room at the Top (w/ James Taylor Quartet & Ian Anderson)




(album live e colonne sonore)

1972 – Live at the Mountreaux Jazz Festival

1973 – Coffy (soundtrack)

1990 – Fast Money

1991 – Searchin’

1992 – Hot

1993 – Good Vibrations

1999 – Live from West Port Jazzfestival Hamburg



Questa settimana, per festeggiare gli 80 anni di Roy Ayers, abbiamo inserito in programmazione all’interno di Soul Collection la canzone "Everybody Loves the Sunshine" che si distingue per la nota creata dal sintetizzatore presente per la maggior parte del brano.

E’ estratta da Everybody Loves the Sunshine, un album pubblicato nel 1976 come Roy Ayers Ubiquity. Il brano è stato coverizzato da artisti come D'Angelo, Robert Glasper Experiment e altri.



Social:

Facebook: @RoyAyers

Instagram: @royayerssunshine

Twitter: @RealRoyAyers



0 commenti

Post recenti

Mostra tutti