top of page
  • Soul Collection

Ti ricordi di Domenic Troiano?

Il musicista dei musicisti




All'inizio degli anni Settanta, uno scrittore di musica definì Domenic Troiano "il musicista dei musicisti". L'etichetta ha agito come un'arma a doppio taglio per il chitarrista canadese. Troiano è indubbiamente un musicista solido, che ha utilizzato uno stile chitarristico tecnico e intelligente nel corso della sua carriera. Nei suoi vent'anni di attività come chitarrista, autore e cantante, Troiano ha suonato molti stili musicali, dal rock al soul alla jazz-fusion. D'altra parte, l'etichetta di "musicista" ha portato la gente a credere che la musica di Troiano fosse un gusto acquisito. Anche se tecnicamente abile e spesso sperimentale, molti veri musicisti non raggiungono mai il successo mainstream. Anche se non è molto conosciuto nel mondo della musica, Domenic Troiano è considerato un talento straordinario da coloro che conoscono il suo lavoro. È membro della Canadian Music Hall of Fame e il suo stile chitarristico è presente in molti album, tra cui i suoi cinque LP da solista. Oltre ai suoi meriti come chitarrista, Troiano ha anche composto musica per la televisione e il cinema e ha prodotto album di altri artisti.


Domenic Troiano è nato a Modugno, in Italia, il 17 gennaio 1946. La sua famiglia si trasferisce a Toronto, in Canada, tre anni dopo. All'inizio della sua adolescenza, Domenic ha sviluppato un amore per la musica rock e R&B. Uno dei suoi primi idoli fu il canadese Robbie Robertson. "Le influenze erano i primi ragazzi del rock and roll... Chuck Berry, Elvis", ha detto Troiano nel 1996. "Poi mi sono appassionato al blues. Vedevo spesso Robbie Robertson nei bar, perché a quei tempi c'era una matinée in cui ci mettevamo da una parte del bar e bevevamo solo Coca Cola". Troiano ha preso in mano la chitarra a 15 anni. Ha imparato a suonare acquistando libri di accordi e studiando il lavoro dei suoi eroi della chitarra. Troiano si trovò presto al centro della fiorente scena musicale di Toronto. Pochi anni dopo aver imbracciato la chitarra, Domenic sostituisce Robertson nella band del cantante rockabilly Ronnie Hawkins. La prima canzone che scrisse, "The One For Me", divenne il lato B del primo singolo di Robbie Lane and the Disciples. Troiano rimase per otto mesi, fino a quando non subentrarono delle divergenze musicali. Continuò a sviluppare il proprio stile di suonare. Domenic si unì alla house band del Blue Note di Toronto. Il gruppo iniziò presto a suonare in altri locali oltre al famoso locale di Toronto. Dopo aver lasciato il Blue Note, il gruppo si chiamò Five Rogues, poi Rogues e infine Mandala.


Mandala


Randy Markowitz diventa il manager dei Mandala. Markowitz diede al gruppo un vantaggio rispetto alle altre band canadesi, utilizzando tattiche di promozione aggressive e sviluppando un'illuminazione straordinaria per i loro spettacoli dal vivo. Troiano racconta: "Arrivò come un uragano e la gente del posto rimase sbalordita. Erano scioccati perché erano abituati ad avere a che fare con ragazzi di 15 anni e all'improvviso avevano a che fare con un imprenditore". Indossando abiti gessati abbinati sul palco, i Mandala sono diventati famosi per i loro spettacoli dal vivo ad alta energia e per la loro innegabile presenza scenica. In Canada la reazione fu simile a quella dell'arrivo dei Beatles in America qualche anno prima. Per gli standard odierni, il gruppo era innocuo, ma spesso mandava in delirio le fan femminili e veniva criticato da cittadini preoccupati per i capelli lunghi e la musica immorale. Dopo aver assistito a uno spettacolo della band a Toronto, il grande blues Bo Diddley raccomandò il gruppo alla Chess Records di Chicago. I Mandala registrano il loro primo singolo, "Opportunity", negli studi Chess di Chicago e la canzone diventa un successo in Canada nel 1967.


Nonostante la popolarità dei Mandala, il cantante George Olliver lascia il gruppo a metà del 1967. Viene sostituito da Roy Kenner, un vecchio amico di Troiano. L'Atlantic Records mette sotto contratto i Mandala e pubblica il loro album di debutto nel 1968. Domenic scrisse o co-scrisse 9 delle 10 canzoni dell'LP. Soul Crusade e il suo singolo "Love-itis" (un'oscura cover R&B scritta da Harvey Scales) vendettero bene in Canada, ma non riuscirono a farsi notare in America. L'interesse per la band cominciò a scemare. "Per quattro anni abbiamo cercato di fare qualcosa come gruppo, ma al Canada non importa nulla", disse Troiano nel 1969. "Nessuno fa niente, nessuno ti dà una mano. Il gruppo non è mai andato d'accordo con nessuna delle radio canadesi". I Mandala si sciolsero e Troiano, Kenner e il batterista Whitey Glan decisero di formare un nuovo gruppo. Reclutarono il bassista Prakash John, si trasferirono in Arizona e si chiamarono Bush. Troiano racconta: "Ho incontrato un tizio che mi ha detto: "Ho un posto nel deserto. Se volete andarvene per un po', venite". Così abbiamo fatto e siamo rimasti per tre mesi, provando ogni giorno nuovo materiale".


La nuova band di Troiano si discostava musicalmente dai Mandala. I Bush eccellevano in canzoni semplici, influenzate dal blues, che erano crude senza sacrificare la musicalità. Sul palco, la band adottava un approccio più concreto all'esibizione, vestendosi con disinvoltura e lasciando che la musica parlasse da sola. A quel punto, Troiano era diventato famoso per aver sviluppato una tecnica chitarristica unica. "Troiano fa cose con la chitarra elettrica che nessun altro fa", scrisse il critico musicale di Los Angeles R.E. Maxon nel 1970. "Per esempio, come suonare contemporaneamente melodie distinte? Non si può fare, direte voi? Vedete Bush, e lo vedrete fare, mentre la vostra bocca si apre". Reb Foster, un popolare DJ di Los Angeles, si recò in Arizona per vedere la band. Foster gestiva una società di management ed era affiliato alla ABC/Dunhill attraverso la sua società di produzione, la Cuordoroy Records. Colpito dalla band, fece firmare i Bush con la ABC/Dunhill.





Bush inizia presto ad andare in tour con i compagni di etichetta Steppenwolf e Three Dog Night. La band si trovò nel mezzo di un incubo legale mentre si preparava a pubblicare il suo album di debutto a metà del 1970. "La ABC/Dunhill diede a Reb la sua etichetta, la Cuordoroy", racconta Troiano. "Eravamo il primo nuovo ingaggio per la Cuordoroy, e subito dopo aver terminato il nostro album, la ABC/Dunhill li citò in giudizio, loro fecero causa alla ABC/Dunhill, e noi finimmo per essere il calcio politico". Il loro album omonimo scomparve senza lasciare traccia dopo la sua pubblicazione. Ciononostante, i Bush continuarono a fare tournée nel sud-ovest degli Stati Uniti. Nella primavera del 1971, la band aveva pochissimi soldi e solo un piccolo seguito. A giugno, dopo un concerto al Bitter End di Los Angeles, Troiano, Kenner, Glan e John decidono di staccare la spina ai Bush. Sebbene i Bush fossero ormai storia, i Three Dog Night registrarono la canzone della band "I Can Hear You Calling" e la inserirono come lato B del loro singolo "Joy to the World". Il singolo si rivelò uno dei più venduti del gruppo.


Bush

Non molto tempo dopo lo scioglimento dei Bush, Domenic Troiano iniziò a lavorare al suo primo album da solista. Ha lavorato con l'ingegnere Keith Olsen e con un assortimento di musicisti, tra cui i suoi compagni di band dei Bush. Mentre Troiano stava ultimando l'album verso la fine dell'anno, ricevette una telefonata da Jim Fox e Dale Peters della James Gang. Il chitarrista Joe Walsh aveva appena lasciato il power trio di Cleveland e Fox e Peters erano interessati a reclutare Troiano come sostituto di Walsh. "Avevano apprezzato i dischi dei Bush e dei Mandala e mi avevano visto in un club di Cleveland quando avevo suonato con [Eric] Clapton", racconta Troiano. "Mi hanno chiesto di unirmi a loro perché hanno apprezzato il mio modo di suonare durante la jam". Domenic era riluttante a cantare come voce principale, così suggerì Roy Kenner come cantante.


Troiano e Kenner si unirono alla James Gang alla fine del 1971 e il primo LP della nuova formazione, Straight Shooter, uscì all'inizio del 1972. La maggior parte delle canzoni sono state scritte da Troiano e Kenner. Domenic cantò persino come voce solista nella sua pensosa ballata "Getting Old". L'album rappresenta una svolta radicale rispetto agli LP dell'era Walsh, con un approccio diverso al rock da parte di nuovi musicisti che si occupano della band. La reazione del pubblico al nuovo gruppo fu contrastante. Durante uno spettacolo a Santa Monica, in California, la band viene bersagliata di uova, pomodori e monetine. Al contrario, lo scrittore di Rolling Stone Alan Niester affermò che i nuovi James Gang erano "una delle principali band rock dal vivo rimaste in America". Per alcuni, il cambiamento passò inosservato. Quando ero nei James Gang", disse Troiano nel 1974, "la gente mi chiedeva: "Dov'è la tua Les Paul, Joe?"". Dopo la sua pubblicazione, Straight Shooter non riuscì a vendere quanto i precedenti album dei James Gang.



The James Gang

Mentre era ancora membro della James Gang, la Mercury Records mise sotto contratto Domenic come artista solista e pubblicò il suo album nell'estate del 1972. Registrato ai Sound City Studios di Los Angeles, Domenic Troiano presenta un'ampia varietà di stili musicali. Brani come "The Writing's on the Wall" e "The Wear and the Tear on My Mind" sono molto pop, mentre "I Just Lost a Friend" e "Let Me Go Back" sono sorprendentemente sentimentali. "The Answer" e i 10 minuti di "Repossession Blues" presentano alcuni dei migliori lavori di chitarra di Troiano. L'album piacque a molti critici, ma, come Straight Shooter, non riuscì a sfondare a livello commerciale. I James Gang, con Troiano e Kenner, pubblicano Passin' Thru alla fine del 1972. Ancora una volta, l'LP presenta il suono distinto di Kenner/Troiano, ma le canzoni suonano più mirate e pronte per le radio rispetto al passato. Inoltre, la presenza di musicisti ospiti provenienti da Nashville conferisce a diverse canzoni un'impronta country. Passin' Thru vendette modestamente e ricevette recensioni contrastanti. Alla fine dell'anno, mentre la James Gang era in tournée in Giappone, Troiano iniziò a pensare al suo prossimo album da solista.



Nel dicembre del 1972, Domenic Troiano inizia a lavorare al suo secondo lavoro da solista. A Los Angeles prova con un nuovo gruppo di musicisti, tra cui il bassista Willie Weeks, il batterista Kenneth Rice e il tastierista William Smith. Come per il suo primo LP da solista, Troiano avrebbe co-prodotto il suo secondo album con Keith Olsen. Uscito all'inizio del 1973, Tricky è un disco ambizioso che mantiene l'alto livello musicale di Troiano. La seconda metà dell'LP contiene un medley blues di 18 minuti, nato da una jam di quasi mezz'ora. "Una volta tagliata la traccia, ho pensato che avremmo potuto fare molto di più", ha detto Troiano. "Ho inserito una sezione di fiati che l'ha trasformata in qualcosa di diverso dalla jam blues originale". L'album è stato accolto con entusiasmo dalla critica. "Come arrangiatore e produttore, Troiano è interessato a incoraggiare il dialogo tra gli strumenti, e ha quindi dedicato molta attenzione alle dinamiche e al voicing, qualità spesso trascurate negli album rock", ha scritto un recensore di Guitar Player. "Troiano non dimostra la sua abilità stipando quattromila note in una misura di musica, ma invece dà a ogni tono un trattamento ponderato, non frettoloso e rispettoso". Poco dopo l'uscita di Tricky, Troiano lasciò la James Gang. "I James Gang sono stati un periodo divertente per me", ha dichiarato Troiano. "Erano bravi ragazzi, ma musicalmente non eravamo molto uniti". Inoltre, la ABC/Dunhill aveva fatto causa alla band per violazione del contratto mentre Troiano ne faceva parte. Egli scelse di rimanere nel gruppo fino alla risoluzione del conflitto. Roy Kenner rimase nel gruppo e Domenic fu sostituito da Tommy Bolin.




Dopo aver pubblicato due album da solista e due album con la James Gang in soli 16 mesi, la reputazione di Domenic come "musicista del musicista" crebbe. All'inizio del 1974 gli viene chiesto di unirsi ai Guess Who. Il gruppo canadese, guidato da Burton Cummings, aveva riscosso un enorme successo in Nord America con hit come "These Eyes", "American Woman" e "Share the Land". Nel 1974 la band era alla ricerca di un chitarrista e Troiano accettò di occupare il posto vacante. La band ripulisce la propria immagine e affina il proprio sound. Nell'autunno del 1974 pubblicano Flavours. Molti critici lodarono il gruppo rinnovato. "Non sono mai stati così bravi nel complesso", scrisse Bart Testa su Crawdaddy. "Il loro lavoro futuro potrebbe rendere i Guess Who la band importante che avrebbero dovuto essere". Flavours vendette bene e il primo singolo dell'album, "Dancin' Fool", entrò addirittura nella Top 40 americana.





I Guess Who pubblicano un secondo album con Troiano nel 1975. Sebbene Power in the Music ottenga buone recensioni, l'interesse generale per la band è in calo. Il cantante Burton Cummings è esausto e ritiene che la band stia semplicemente andando avanti. In ottobre annunciò che avrebbe lasciato il gruppo. "Abbiamo tutti detto che avevamo di meglio da fare", ha commentato Troiano. "Il nostro ultimo singolo suonava come la Mahavishnu Orchestra, che nessuno voleva accettare dai Guess Who. Così ho pensato che era meglio fare un progetto mio per un po'". Sempre nel 1975, la J. Geils Band resuscitò il classico dei Mandala "Love-itis" nell'album Hotline del 1975.


The Guess Who

Dopo lo scioglimento dei Guess Who, Domenic si trasferì a Toronto per stare più vicino alla sua famiglia. In breve tempo forma il suo gruppo e inizia a sperimentare con il jazz-rock, il funk e l'improvvisazione musicale. Tra i primi membri della band figurano Fred Mandel, Keith Jones, Wayne St. John, Dave Tyson e Jimmy Norman. Troiano ha pubblicato il suo terzo album da solista, Burnin' at the Stake, su Capitol Records nel 1977. Uno dei pezzi forti dell'album è "The Outer Limits of My Soul", un duetto cantato da Domenic e da sua moglie, l'artista discografica Shawne Jackson. Prodotto da Richard Landis e Randy Brecker, l'album fu un nuovo inizio per un musicista che meritava di essere maggiormente riconosciuto per il suo talento. La rivista Billboard ha dichiarato: "Troiano mostra una feroce miscela di rock, R&B e numeri dalle sfumature soul, con la sua voce dal taglio grintoso". John Swenson di Rolling Stone ha commentato: "Troiano ha proposto un'appropriata serie di canzoni con arrangiamenti impegnativi per tenere occupata la squadra di session all-star. Dimostra una consumata padronanza del suo strumento, e non ha mai suonato meglio di quanto faccia qui".





Con il batterista Paul DeLong, il bassista Keith Jones e i tastieristi Jacek Sobatta e David Tyson, Troiano pubblica il suo secondo album per la Capitol nel 1978. The Joke's on Me fu registrato al Sounds Interchange di Toronto e prodotto da Terry Brown, meglio conosciuto per il suo lavoro con il gruppo progressive-rock Rush. L'album è uno sforzo impegnativo e ispirato che viene molto trascurato dalla critica e dal pubblico in generale. Troiano si riorganizzò e registrò quello che sarebbe stato il suo prossimo album nel corso dell'anno. Prodotto dallo stesso Domenic, Fret Fever fu pubblicato nell'aprile del 1979. L'LP presenta un'ampia gamma di stili e l'ex compagno di band Roy Kenner che occasionalmente canta la voce principale. L'album genera immediatamente una hit, "We All Need Love", che si rivela il singolo di maggior successo di Troiano come artista solista. La canzone raggiunge la Top 20 in diversi Paesi europei e diventa un successo radiofonico in Canada. Domenic è stato nominato produttore dell'anno per Fret Fever ai Juno Awards del 1980 in Canada; ha perso contro Bruce Fairbairn per il suo lavoro sull'album Armageddon dei Prism. Sebbene l'album abbia riscosso un modesto successo, Fret Fever è stato l'ultimo di Troiano con la Capitol Records.




Domenic Troiano riemerge alla fine del 1980 con un nuovo progetto musicale. Black Market vede la partecipazione di Troiano, Bob Wilson e Paul DeLong in un power trio senza fronzoli. "Sono stato etichettato come jazz-rock perché gli ultimi tre album con la Capitol contenevano una varietà di cose, compresi alcuni momenti jazz", disse Troiano nel 1981. "Black Market spero che ricordi alla gente che ho suonato musica aggressiva e dura per vent'anni. Faccio rock fin dai tempi del liceo e non ho intenzione di smettere ora". Nell'era della new wave e di un approccio minimalista al rock, Black Market sembrava molto adatto ai tempi. Changing of the Guard, l'album di debutto del gruppo, fu pubblicato dall'etichetta indipendente El Mocambo Records nel 1981. Nonostante l'entusiasmo di Troiano per Black Market, il progetto catturò l'attenzione solo dei fan più accaniti.



Black Market

Dopo Black Market, Domenic ha deciso di prendersi una pausa dai progetti di gruppo. "Mi ero stancato della strada, e le band in cui suonavo avevano tutte problemi, sia con le case discografiche che con la loro stessa direzione", ha detto Troiano. "Avevo bisogno di un cambiamento". Ha concentrato la sua attenzione sul lavoro di sessione, sulla produzione musicale e sulle colonne sonore di film e televisione. Negli anni '80, Troiano ha lavorato con artisti come Moe Koffman, Diana Ross e Joe Cocker. Negli anni Novanta, Domenic ha composto musiche per una serie di programmi televisivi come Night Heat, Top Cops, Juvenile Justice e Counterstrike. Tra il 1988 e il 1993, Troiano ha ottenuto tre nomination ai Gemini Award per il suo lavoro in Hot Shots, Diamonds e Secret Service. "Nel mondo della televisione e del cinema, se gli piace quello che fai, ti pagano subito", ha detto Troiano nel 1989. "Non è come nel mondo della musica dove, se vendi un mucchio di dischi, puoi vedere un po' di soldi tra circa nove anni".


Nel 1994, un nuovo gruppo britannico noto come Bush esplose sulla scena musicale rock. Il loro album di debutto, Sixteen Stone, viene pubblicato e riscuote un grande successo commerciale. Nello stesso periodo, Troiano aveva intenzione di ripubblicare l'album del 1970 dei Bush originali. Legalmente, la band di Troiano deteneva ancora i diritti sul nome. Venticinque anni dopo la sua prima pubblicazione, Bush è stato rimasterizzato e pubblicato su CD insieme a diversi brani dal vivo ritrovati, tratti dall'ultimo concerto della band nel 1971. Gli inglesi Bush, guidati da Gavin Rossdale, sono diventati noti come Bush X in Canada per differenziare i due gruppi. Quando la popolarità dei Bush di Rossdale salì alle stelle, il nuovo gruppo volle che la X fosse tolta dal proprio nome. Tra le polemiche, nel marzo 1996, dopo 30 anni di attività nell'industria dello spettacolo, Domenic Troiano è stato inserito nella Canadian Music Hall of Fame. È stato inserito insieme al cantante degli Steppenwolf John Kay, al chitarrista dei Lovin' Spoonful Zal Yanovsky, al cantante dei Mamas and the Papas Denny Doherty e al cantante dei Blood, Sweat, and Tears David Clayton-Thomas. "Sono conosciuto come chitarrista, ma la verità è che sono andato avanti", ha commentato Troiano a Maclean's. "Per tutta la vita sono stato conosciuto come chitarrista e non suono più. C'è qualcosa che non va... ma credo che se volessi davvero suonare, lo farei".


All'inizio del 1997, il conflitto tra Troiano e i Bush di Gavin Rossdale era ancora irrisolto. Domenic si incontrò con la nuova band per discutere del problema. In aprile, Troiano e Rossdale tennero una conferenza stampa a Toronto per annunciare che la X sarebbe stata eliminata dal nome dei nuovi Bush. "La nostra band, di cui ero orgoglioso, ha funzionato 25 anni fa ed è storia antica", ha detto Troiano alla conferenza. "Questi ragazzi sono là fuori a farlo ora e credo che questo sia un buon finale". Troiano ha poi commentato la popolarità di entrambe le band conosciute come Bush. "Quanto hanno venduto, cinque milioni? Noi probabilmente ne abbiamo venduti circa cinque, forse cinquecento", ha detto ridendo. "Però ti dico una cosa: è un buon disco. Oserei dire che è migliore del loro".





Per la gioia di molti fan, il lavoro solista di Domenic Troiano è stato ristampato su CD alla fine degli anni Novanta. Troiano Triple Play raccoglieva i momenti salienti dei suoi album Capitol, mentre The Toronto Sound presentava i primi due album solisti di Domenic nella loro interezza. Nel novembre del 2000, la canzone di Troiano "Just as Bad as You" (un successo di Shawne Jackson nel 1974) è stata premiata dai SOCAN awards canadesi insieme ad altri classici come "Summer of '69" e "Born to Be Wild". Nel nuovo millennio, Troiano rimase immerso nell'industria dell'intrattenimento. Gestisce il suo studio e la sua etichetta indipendente, Black Market, e continua a scrivere musica per la TV e il cinema. Ha anche iniziato a fare delle apparizioni suonando la chitarra in vari eventi musicali a Toronto, culminate in una performance da solista all'Orbit Room nel maggio 2004, la sua prima dopo oltre vent'anni. Troiano è rimasto produttivo per tutti gli anni 2000, nonostante un decennio prima gli fosse stato diagnosticato un cancro. Purtroppo, la salute di Troiano ha cominciato a deteriorarsi alla fine del 2004. L'anno successivo ha perso la sua battaglia contro il cancro, spegnendosi nella sua casa di Toronto il 25 maggio 2005, esattamente un anno dopo la sua apparizione alla Orbit Room.



Nel corso dei suoi molti anni nel mondo della musica, Domenic Troiano ha svolto il ruolo di chitarrista, cantante, autore di canzoni, arrangiatore, produttore e compositore. In particolare come chitarrista, si è guadagnato un seguito di appassionati in Canada, America ed Europa che dura tuttora. Imparando dai suoi eroi e sperimentando per conto proprio, Troiano ha sviluppato un suono unico e un'abilità tecnica che solo pochi chitarristi riescono ad acquisire. Sebbene non abbia mai goduto di un grande successo commerciale, Domenic Troiano sarà ricordato semplicemente per il suo impressionante lavoro. Come disse nel titolo del suo album Fret Fever del 1979, "è la musica che conta, non chi pensano che tu sia".


Da troianomusic.com





Discografia :

1968 – Soul Crusade (w/ Mandala)

1970 – Bush (w/ Bush)

1972 – Straight Shooter (w/ James Gang)

1972 – Domenic Troiano

1972 – Passin’ Thru (w/ James Gang)

1973 – Tricky

1974 – Flavours (w/ The Guess Who)

1975 – Power in the Music (w/ The Guess Who)

1977 – Burnin' At The Stake

1978 – The Joke's On Me

1979 – Fret Fever

1981 – Changing of the Guard (w/ Black Market)



0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
bottom of page