top of page
  • Immagine del redattoreSoul Collection

2Pac e Biggie stavano per essere compagni nella Bad Boy Records

Lo ha rivelato il fratello di 2Pac, Mopreme Shakur.



Fonte: rebelmag.it


A rivelare che Tupac e The Notorious B.I.G. stavano per essere entrambi sotto contratto della Bad Boy Records è il fratello di 2Pac, Mopreme Shakur.

Martedì (17 ottobre), Mopreme ha rilasciato un’intervista a The Art of Dialogue e ha rivelato che prima di firmare il contratto con la Death Row Records, quando è stato rilasciato dal carcere nel 1995, 2Pac stava pensando di unirsi all’etichetta della East Coast, la Bad Boy Records di Diddy.

“A un certo ‘Pac stava pensando di firmare con la Bad Boy prima di stringere un accordo con la Death Row. Voleva far parte di un’etichetta nera. Voleva stare con la sua gente. Voleva stare con i suoi fratelli.

Però c’era Biggie, con il quale ‘Pac stava avendo dei problemi. Biggie faceva parte dell’etichetta di Puffy, e ‘Pac era convinto che Puffy avrebbe protetto Biggie nella loro diatriba e che questo gli avrebbe creato ulteriori problemi”.

Mopreme ha anche parlato dell’amicizia altalenante di 2Pac con l’ex membro di Thug Life, Big Stretch, che si trovava con lui la notte in cui gli hanno sparato, a novembre del 1994 ai Quad Recording Studios di Manhattan. Stretch è stato ucciso un anno dopo.

“Pac e Stretch erano migliori amici“, ha detto. “Stretch era con lui quando gli hanno sparato a Quad. Dopo di che, Stretch è andato in tour con Biggie. Quindi chiunque abbia familiarità con la nostra cerchia, ha subito capito che era una mossa molto strana e ambigua, dal momento che ‘Pac stava avendo dei problemi con Biggie e alla fine è stato tagliato fuori”.

Il cambio improvviso di rotta dell’amico Stretch e i problemi con Biggie hanno portato Tupac a non firmare per l’etichetta di Diddy.



2Pac ha firmato per la Death Row Records quando Suge Knight gli ha fatto visita al Clinton Correctional Facility di New York e ha messo i soldi per farlo uscire di prigione alla fine del 1995.

Ci sono storie su questo accordo e sul fatto che ‘Pac avrebbe firmato il contratto mentre si trovava nel braccio della morte su un tovagliolo o su un pezzo di carta igienica. A spiegare come sono andate le cose è l’amico d’infanzia del defunto rapper, David S Ash, che era lì durante l’incontro e che ha contestato questa affermazione in una recente intervista con The Independent.

“È avvenuto tutto in modo legale“, ha detto, ricordando il momento in cui Knight e il suo avvocato hanno interrotto una delle rare visite che ha potuto avere con il suo amico. “Hanno redatto tutto proprio lì di fronte a me. 2Pac ha detto a Suge le cose di cui aveva bisogno: un’auto, un milione di dollari in anticipo e una casa per sua madre. Poi ha guardato il contratto e ha detto a Suge: “OK figo, facciamolo”. E questo è stato il momento in cui è stato firmato il contratto“.

0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page