• Sergio Basilico

Dionne Warwick compie 80 anni

La leggenda è l'artista del mese in Soul Collection




Per le playlist settimanali di Soul Collection, abbiamo scelto come artista del mese Dionne Warwick, che compie 80 anni!

Nasce il 12 dicembre 1940 a East Orange nel New Jersey, in realtà si chiama Marie Dionne Warrick, prendendo il cognome della madre, il suo nome poi divenne Warwick quando pubblicarono il suo primo singolo riportando erroneamente il cognome sull’etichetta.




Nacque in una famiglia di cantanti gospel, i Drinkard Singers, di cui facevano parte sua madre, le sue zie ed i suoi zii.



Quando inizia a farsi notare per la bella voce, entra a far parte di un coro gospel che comprende fra gli altri sua mamma Lee, sua sorella Dee Dee e sua zia Cissy Houston, le Gospelaires con cui nel 1962 viene notata dal compositore Burt Bacharach e dal paroliere Hal David che la fanno diventare voce ufficiale delle loro canzoni, pubblicando il primo singolo ufficiale Don’t Make Me Over.


Nel 1963 inizia a farsi notare con il suo quarto singolo Anyone Who Had a Heart ma il “botto” lo ottiene nel 1964 con Walk On By, un grande successo internazionale che vendette un milione di copie e che consolidò la sua carriera.




Per il resto degli anni ‘60, la Warwick è stata un punto fermo nelle classifiche statunitensi e canadesi, con gran parte della sua produzione dal 1962 al 1971 che è stata scritta e prodotta dal team Bacharach/David.

Tanti i successi in quel periodo, Message to Michael, Alfie, I Just Don’t Know What to Do With Myself, Do You Know the Way to San Jose? (primo Grammy ottenuto nel 1968), What the World Needs Now Is Love, I’ll Never Love This Way Again (secondo Grammy nel 1970), (Theme from) Valley of the Dolls e la bellissima I Say A Little Prayer.




Negli anni ‘70, sebbene in misura minore rispetto al decennio precedente, non mancarono i successi, Who Is Gonna Love Me, (There's) Always Something There to Remind Me, Promises Promises, This Girl's in Love with You, The April Fools, You've Lost That Lovin' Feelin', I'll Never Fall in Love Again; ma finì anche il rapporto con Bacharach e David e l’etichetta Scepter.

Il periodo quinquennale trascorso alla Warner Bros. non fu tra i più fortunati per la cantante, che nel frattempo si era specializzata come interprete di numerose colonne sonore da film, anche se non è da dimenticare Then Came You, cantata con The Spinners che nel 1974 arriva prima nella Billboard Hot 100.




Il periodo di aridità di successi della Warwick nelle classifiche americane si è concluso con la sua firma alla Arista Records nel 1979, dove ha iniziato una seconda serie di singoli e album di grande successo fino alla fine degli anni ‘80.

Da ricordare I'll Never Love This Way Again prodotta da Barry Manilow, Deja Vu scritto in collaborazione con Isaac Hayes (altro Grammy), il grande successo di Heartbreaker nata dalla collaborazione con Barry Gibb dei Bee Gees ed il duetto con Luther Vandross in How Many Times Can We Say Goodbye.




Seguì il sodalizio con Stevie Wonder, nel 1984 in occasione della colonna sonora del film La signora in rosso, composta proprio dal musicista del Michigan. Le canzoni sono Moments Aren't Moments, e i duetti Weakness e la più famosa It's You.




Nel 1985, Warwick ha contribuito con la sua voce alla canzone di beneficenza "We Are the World", vincitrice del multi-Grammy Award, insieme a cantanti come Michael Jackson, Diana Ross e Ray Charles. La canzone ha trascorso quattro settimane consecutive al numero 1 della classifica Billboard Hot 100. È stato il più grande successo dell'anno - certificato quattro volte disco di platino solo negli Stati Uniti.




Nel 1985, Warwick ha registrato il singolo di beneficenza ideato dalla Fondazione Americana per la Ricerca sull'AIDS a favore dei malati terminali "That's What Friends Are For" insieme a Gladys Knight, Elton John e Stevie Wonder. Il singolo, accreditato a "Dionne and Friends", è stato pubblicato in ottobre e alla fine ha raccolto oltre tre milioni di dollari per questa causa e valse a Dionne il suo sesto Grammy Award. Con questo singolo Warwick ha anche pubblicato il suo album di maggior successo degli anni Ottanta, intitolato Friend.




canzone talmente bella che vogliamo proporvi anche in questa esibizione live con Dionne Warwick, Stevie Wonder, Luther Vandross (al posto di Elton John) e Whitney Houston (a sostituire la parte di Gladys Knight).




Nel 1986 Warwick ha ottenuto un altro successo con Love Power, un duetto con Jeffrey Osborne, scritto da Burt Bacharach e Carole Bayer Sager, che è apparso nell'album Reservations for Two di Warwick. Anche la canzone che dà il titolo all'album, un duetto con Kashif, è stata un successo in classifica. Tra gli altri artisti presenti nell'album c'erano anche Smokey Robinson e June Pointer.



Durante gli anni '90 divenne più nota come intrattenitrice televisiva che come cantante, Warwick partecipà per molti anni alle televendite per il Psychic Friends Network.


Negli anni duemila diventa Ambasciatrice dell'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura (FAO) e partecipa a vari eventi musicali, soprattutto in Italia, dove ha sempre ottenuto una certa popolarità, come il Concerto in Vaticano.

Ma sono anche periodi amari per Dionne, nel 2002 viene arrestata all’aeroporto di Miami per possesso di marijuana, perde sua sorella DeeDee nel 2008 e quattro anni più tardi sua cugina Whitney Houston.




Sempre molto attenta ai problemi del mondo, si è esibita nel 2012 alla Royal Albert Hall di Londra per la giornata mondiale della Fame.


E’ sicuramente una delle cantanti più famose di tutti i tempi, una vera e propria leggenda, che anche alla soglia degli 80 anni, riesce sempre a far parlare di sé in modo simpatico.



Proprio in questi giorni ha postato su instagram delle domande rivolgendosi a Chance The Rapper ed a The Weeknd.

Al primo ha chiesto “Se è chiaramente un artista che fa musica rap, perché specificare The Rapper nel suo nome d’arte?


E il diretto interessato ha risposto, ammettendo prima di tutto di essere felice e sorpreso che la Warwick lo conoscesse. Poi ha ironizzato, sottolineando come lei possa chiamarlo come meglio preferisce.



Come risposta, Dionne ha replicato, proponendo anche un duetto al collega: “rappiamo insieme!

Poi ha chiesto perché The Weeknd sia scritto non in maniera corretta…



Insomma, una donna, una cantante, una leggenda che ha ottenuto il rispetto di tutti gli artisti.


Auguri Dionne!



Discografia completa:

1963 - Presenting Dionne Warwick

1964 - Anyone Who Had a Heart

1964 - Make Way for Dionne Warwick

1965 - The Sensitive Sound of Dionne Warwick

1966 - Here I Am

1966 - Dionne Warwick in Paris (live)

1966 - The Best of Dionne Warwick (raccolta)

1967 - Here Where There Is Love

1967 - On Stage and in the Movies

1967 - The Windows of the World

1967 - Dionne Warwick's Golden Hits, Pt. 1 (raccolta)

1968 - The Magic of Believing (con The Drinkard Singers)

1968 - Dionne Warwick in Valley of the Dolls

1968 - Promises, Promises

1969 - Soulful

1969 - Dionne Warwick's Greatest Motion Picture Hits (raccolta)

1969 - Dionne Warwick's Golden Hits, Pt. 2 (raccolta)

1970 - I'll Never Fall in Love Again

1970 - Very Dionne

1970 - The Greatest Hits of Dionne Warwick, Vol. 1 (raccolta)

1970 - The Greatest Hits of Dionne Warwick, Vol. 2 (raccolta)

1970 - Go with Love: Dionne Warwick Sings the Songs of Burt Bacharach and Hal David (raccolta)

1971 - The Dionne Warwick Story: A Decade of Gold (live)

1972 - Dionne

1972 - From Within (raccolta)

1973 - Just Being Myself

1975 - Then Came You

1975 - Track of the Cat

1976 - The Dionne Warwick Collection (raccolta)

1976 - Forever Gold (raccolta)

1977 - Love at First Sight

1977 - A Man and a Woman (con Isaac Hayes, live)

1977 - Only Love Can Break a Heart (raccolta)

1979 - Dionne

1980 - No Night So Long

1981 - Hot! Live and Otherwise (live)

1982 - Friends in Love

1982 - 20 Greatest Hits (raccolta)

1983 - Heartbreaker

1983 - How Many Times Can We Say Goodbye

1983 - The Collection (raccolta)

1985 - Finder of Lost Loves

1985 - Friends

1987 - Reservations for Two

1989 - Dionne Warwick Sings Cole Porter

1989 - The Love Songs (raccolta)

1989 - The Dionne Warwick Collection: Her All-Time Greatest Hits (raccolta)

1989 - Greatest Hits: 1979-1990 (raccolta)

1992 - Hidden Gems: The Best of Dionne Warwick, Vol. 2 (raccolta)

1993 - Friends Can Be Lovers

1994 - Christmas in Vienna II (con Plácido Domingo, live)

1994 - Dionne Warwick Sings the Bacharach & David Songbook (raccolta)

1995 - Aquarela Do Brazil

1996 - The Essential Collection (raccolta)

1998 - Dionne Sings Dionne

1999 - The Definitive Collection (raccolta)

2000 - Dionne Sings Dionne, Vol. 2

2000 - The Very best of Dionne Warwick (raccolta)

2002 - Heartbreaker: The Very Best of Dionne Warwick (raccolta)

2004 - My Favorite Time of the Year

2006 - Walk On By: The Very Best of Dionne Warwick (raccolta)

2007 - My Friends & Me

2008 - Why We Sing

2008 - The Love Collection (raccolta)

2011 - Only Trust Your Heart

2012 - Now

2014 - Feels So Good

2019 – She’s Back

2019 – Dionne Warwick & the Voices of Christmas


(fonte: Wikipedia)


0 commenti

Post recenti

Mostra tutti