top of page
  • Immagine del redattoreSoul Collection

Maggio '24 selecta due

Con i nuovi brani di Coco Jones, 4batz e Durand Bernarr



Nuova puntata del live radio show “Soul Collection” che potete ascoltare a partire da ogni mercoledì sera on demand sul nostro canale mixcloud, dalle 19:30, proprio qui da soulcollectionradio.com

 

Il live radio show di Soul Collection lo puoi ascoltare anche su:

Discology Radio il mercoledì alle 22:00

Blackplanet Radio il giovedì alle 19:00

Radio Panda  il venerdì alle 19:30 e la domenica alle 21:30 sui 96.300 in FM per il nord di Milano e in DAB in Lombardia, e quando vuoi on demand su mixcloud.com/radiopanda963

Black and White Radio il venerdì alle 21:45, il sabato alle 15:50, la domenica alle 14:30 e quando vuoi on demand

Radio Montestella il sabato e la domenica alle 18:00

Radio Piave il sabato alle 20:00 ed il lunedì alle 19:00

Radio Elleuno la domenica alle 16:30 ed il sabato successivo allo stesso orario

Radio Studio 107 la domenica sera alle 20:30 

Radio UAU la domenica sera alle 23:00

Rete Top 95 il lunedì ed il mercoledì alle 14:00

Cube Radio il lunedì alle 15:00 ed il mercoledì alle 18:00

Comoradio International il martedì dalle 17:00 

Antenna Web il mercoledì dalle 08:45 

 

Fat Joe – What’s Luv? (ft Ashanti) (2001)

"What's Luv?" è una canzone del rapper americano Fat Joe, pubblicata tramite Atlantic Records e Fat Joe's Terror Squad Productions come secondo singolo dal suo quarto album in studio, Jealous Ones Still Envy (JOSE) (2001). La canzone presenta la voce aggiuntiva della cantante Ashanti. "What's Luv" è stato prodotto da Irv Gotti e Chink Santana. Il testo del ritornello della canzone è basato in parte sul ritornello del titolo della hit di Tina Turner del 1984 " What's Love Got to Do with It ". La canzone include inoltre un testo che fa riferimento alla canzone del 1998 "Still Not a Player" di Big Pun.

In questi giorni, in collaborazione con Food For The Poor, Fat Joe ha annunciato la creazione di un fondo di soccorso per offrire sostegno e forniture essenziali a coloro che soffrono di difficoltà ad Haiti. L’iniziativa, arriva in risposta all’ondata di violenza che ha travolto Haiti all’inizio di marzo. Bande armate hanno perpetrato atti di violenza, provocando sfollamenti di massa e una situazione umanitaria disastrosa.

E’ con l'iniziativa di Fat Joe che apriamo la nuova puntata di Soul Collection.




 

Coco Jones – Here We Go (Uh Oh) (2024)

La cantante cresciuta nel Tennessee Coco Jones ha condiviso la sua prima uscita dell'anno, "Here We Go (Uh Oh)", tramite high standardz / def jam recordings. La traccia è stata prodotta da Kelvin "Wu10" Wooten e da Cardiak e campiona la ballata di Lenny Williams del 1978 " Cause I Love You ".




 

OutKast – Ms. Jackson (2000)

Gli OutKast, sono gli “artisti del mese” in Soul Collection.

Gli Outkast sono stati un duo hip hop statunitense formatosi ad Atlanta, in Georgia, nel 1992, composto dai rapper Big Boi (Antwan Patton) e André 3000 (André Benjamin, precedentemente noto come Dré). Dalla metà degli anni Novanta all'inizio degli anni Duemila, il duo ha ottenuto un successo sia di critica che commerciale, contribuendo a rendere popolare l'hip hop del Sud con i suoi testi intricati, le melodie memorabili e i temi positivi, sperimentando al contempo una vasta gamma di generi come il funk, la psichedelia, il jazz e la techno. Il duo è ampiamente considerato come uno degli artisti più influenti dell'hip hop.

Pubblicata il 24 ottobre 2000 come secondo singolo del loro quarto album, Stankonia, Ms. Jackson è anche il primo vero grande successo commerciale del duo, fino a quel momento conosciuto e rispettato dagli appassionati del genere e dagli addetti ai lavori ma comunque relegato all’underground. La canzone è stata ispirata dal rapporto di Benjamin con Erykah Badu e sua madre; la Ms. Jackson del titolo appunto.

Nel testo André 3000 cerca di riconciliarsi con la madre della ex compagna giustificandosi per le manchevolezze che gli vengono imputate, in particolare quella di trascurare un figlio avuto fuori da un regolare matrimonio, ma promettendo di adempiere comunque ai suoi doveri di padre, al di là degli ostacoli e delle incomprensioni. La canzone è del tutto autobiografica, dal momento che la coppia Benjamin/Badu ha effettivamente messo al mondo un bambino nel 1997 chiamandolo Seven Sirius.




 

Nia Wyn – Loves Me Not (2023)

L'artista soul gallese Nia Wyn è cresciuta in una piccola città del Galles settentrionale, Nia ha lottato contro la malattia mentale, l'isolamento e la confusione sulla sua identità, trovando conforto nei vecchi dischi che trovava. Ispirata dal soul che usciva da Philadelphia, Memphis e Detroit negli anni '60 e '70, Nia scrive, produce e canta canzoni su temi moderni: l'essere queer, i momenti difficili che i giovani devono affrontare, la salute mentale e l'identità. Nia si sta concentrando sul suo album di debutto, previsto per il 2024, che la vedrà tornare alle sue radici di influenza. Tra i recenti successi di Nia figurano il supporto a Paul Weller nel suo tour britannico che ha registrato il tutto esaurito. Il suo ultimo singolo, uscito nel novembre 2023, è “Loves Me Not”.




 

THEHONESTGUY – Jai’s Song (Falling) (2024)

TheHonestGuy è il nome d'arte di Mubarak Adeyemi, un cantante rhythm and blues canadese di Toronto, Ontario, nato a Lagos in Nigeria.

In questi giorni ha pubblicato l’EP “Velvet Soul: Side A” composto dai tre ultimi singoli pubblicati nel 2024, “Hanging With You”, il recente “Chante’s Groove” con Zenesoul e la nuovissima “Jai’s Song (falling)” di questi giorni.




 

Raheem DeVaughn – Love Ballad (2024)

Oggi ci sono canzoni che parlano d'amore, ma non si possono battere le canzoni d'amore soul che sono nate durante l'era del soul classico degli anni '70. Per fortuna ci sono artisti come Raheem DeVaughn che mantengono viva questa fiamma. Nel suo recente EP Winter In Love, terzo capitolo della serie Seasons Of Love, il crooner ci ha regalato la sua versione di una delle migliori canzoni d'amore mai scritte: "Love Ballad" di L.T.D. del 1976.




 

Raphael Saadiq – Love That Girl (2008)

"Love That Girl" è una canzone dell'artista americano Raphael Saadiq (che compie 58 anni), pubblicata come singolo il 5 agosto 2008 dalla Columbia Records. Era il singolo principale dell'album di Saadiq The Way I See It. La canzone è stata scritta da Saadiq e dal co-produttore Bobby Ozuna. "Love That Girl" è una canzone soul ispirata alla Motown con testi sull'affetto.




 

Stevie Wonder – Signed, Sealed, Delivered (I’m Yours) (1970)

"Signed, Sealed, Delivered (I'm Yours)" è una canzone soul del musicista americano Stevie Wonder (che compie 74 anni), pubblicata nel giugno 1970 come singolo sull'etichetta Tamla della Motown. Ha trascorso sei settimane al numero uno nella classifica R&B statunitense e ha raggiunto il numero tre nella classifica pop statunitense. Nello stesso anno, la canzone fu pubblicata anche nell'album Signed, Sealed & Delivered.




 

Durand Bernarr - Unknown (2024)

Il cantautore di Cleveland Durand Bernarr ha svelato il suo ultimo singolo, "Unknown", insieme al suo video diretto da Faith Joyvon. Singolo principale del suo prossimo EP, il brano promette di essere un viaggio emozionante nelle profondità dell'amore e del desiderio.




 

Fred Simon - Behind (ft Durand Bernarr) (2024)

Federico Simonetta aka Fred Simon è un produttore e DJ italiano, ligure di nascita e di sede a Milano. Dal 2017 ad oggi cura uno show mensile su Radio Raheem. In questi giorni ha pubblicato “una bomba” di puro r&b con la stupenda voce del cantante e produttore americano Durand Bernarr.




 

Jake Isaac – Good Man (2024)

Good Man è a una canzone ispirata a suo padre, il reverendo Les Isaac OBE, e alla più ampia generazione Windrush, ovvero quei bambini che negli anni cinquanta e sessanta arrivarono dai Caraibi in Gran Bretagna, la cui determinazione ha permesso loro di prosperare in un nuovo ambiente nonostante gli immensi ostacoli che hanno dovuto affrontare. Jake dice: "Nella generazione dei nostri nonni il termine 'uomo buono' parlava di costruzioni familiari, comunità, resilienza. Nella generazione Windrush c'erano molte persone che dovevano impegnarsi per essere buoni uomini e buone donne per sopravvivere. Mio padre è di Antigua e mia madre di St. Kitts, quindi la canzone parla di quegli indiani dell'Ovest che hanno dato vita alla nostra generazione". 




 

MRCY – R.L.M. (2024)

Il duo londinese MRCY, dopo aver suonato per l’apertura dei concerti inglesi dei Black Pumas, annuncia il loro progetto di debutto VOLUME 1 in uscita il 10 maggio, accompagnato dal nuovo singolo "R.L.M.". La mente musicale del duo è il produttore Barney Lister, nato in mezzo alla cultura melting-pot di Huddersfield, Barney si è affermato come uno dei giovani produttori più richiesti ed eclettici del Regno Unito. Nel frattempo, Kojo Degraft-Johnson, la voce, cresciuto nel sud di Londra, si è fatto le ossa in chiesa e ha cantato con artisti altrettanto illustri come Cleo Sol e Little Simz.

Parlando del singolo, Kojo afferma: "R.L.M. è essenzialmente una canzone d'amore onirica, vagamente legata a una persona che frequentavo e che ero solito portare in giro per Londra, e a come ero sempre contento di farlo con lei.




 

Sy Smith – Why Do You Keep Calling Me (2024)

Sy Smith ha da tempo consolidato il suo posto nel mondo della musica soul underground (viene spesso definita "la donna che lavora più duramente nel soul underground"). Questa cantante, cantautrice e produttrice di Los Angeles ha contribuito a coltivare la scena nu-soul in quella città più di 15 anni fa, una scena che oggi vanta alcuni degli artisti più progressisti di quel genere, alcuni dei quali provengono direttamente dalle formazioni delle band della Smith stessa (tra cui Thundercat e Kamasi Washington). Il suo catalogo comprende 5 album in studio, con il contributo di un'ampia schiera di produttori (James Poyser dei The Roots, Ali Shaheed Muhammad degli A Tribe Called Quest e Nicolay dei The Foreign Exchange). Tutti e cinque i suoi album, sono stati acclamati dalla critica di tutto il mondo per la destrezza lirica della Smith. Dopo anni di silenzio è ritornata ad inizio 2024 con il nuovo album “Until We Meet Again” che contiene la stupenda “Why Do You Keep Calling Me”. 




 

Jorja Smith – Backwards (reimagined) (2024)

Jorja Smith rinnova alcune tracce selezionate da "Falling Or Flying" in una versione reinventata che la vede rifare alcuni cambiamenti radicali a otto canzoni in totale. Jorja ha optato per un approccio più essenziale, apportando un tono più cupo a questa versione del suo LP acclamato dalla critica. Questo progetto è stato inizialmente anticipato alla fine di aprile, quando Jorja Smith ha pubblicato l'aggiornamento "Greatest Gift".




 

Aaliyah – Age Ain’t Nothing But A Number (1994)

Per l’appuntamento con “il disco del mese” in Soul Collection, per il mese di maggio abbiamo scelto l’album di Aaliyah, “Age Ain't Nothing but a Number.

Age Ain't Nothing but a Number è l'album di debutto della cantante statunitense R&B Aaliyah, scritto, prodotto e arrangiato interamente da R. Kelly e pubblicato il 24 maggio 1994. L'album ha ottenuto una nomination ai Soul Train Music Award del 1995 come Miglior Album R&B/Soul di un'artista femminile; nello stesso anno Aaliyah fu nominata come Miglior artista esordiente. Il successo di Age Ain't Nothing but a Number permise all'artista di ricevere una nomination anche agli American Music Award come Miglior artista esordiente.

" Age Ain't Nothing but a Number " è una canzone scritta e prodotta da R. Kelly e dal punto di vista dei testi parla di una giovane ragazza che vuole uscire con un uomo più anziano. Contenente un'interpolazione lirica dalla canzone " What You Won't Do for Love " di Bobby Caldwell. Sebbene i critici fossero inizialmente positivi nei confronti della canzone, presto affrontò polemiche quando emerse un certificato di matrimonio in cui si affermava che una Aaliyah di 15 anni aveva sposato R. Kelly di 27 anni; il matrimonio fu rapidamente annullato. La canzone è ampiamente considerata la parte più controversa della discografia di Aaliyah e, ​​dopo la sua uscita, Aaliyah ha tagliato tutti i legami personali e professionali con Kelly.




 

DOE - Breathe (2024)

Nata nello Stato di Washington e cresciuta a Shreveport, in Louisiana, DOE (alias Dominique Jones) ha iniziato a cantare da bambina con la sua famiglia. Essendo cresciuta in chiesa, era inevitabile che seguisse la strada della sua famiglia e cantasse musica cristiana/gospel, dato che entrambi i lati della sua famiglia erano fortemente coinvolti nel circuito gospel. Con il gruppo di famiglia Forever Jones, una decina d’anni fa ha ottenuto due nomination ai Grammy per il Miglior Album Gospel R&B Contemporaneo e per la Miglior Performance Gospel. Da lì la carriera solista che l’ha portata a pubblicare tanti singoli, l’album “Clarity” del 2022 ed il nuovissimo EP “Note To Self” da cui abbiamo estratto “Breathe”.




 

Tamia – Into You (ft Fabolous) (2003)

More è il terzo album in studio dell'artista R&B canadese Tamia Washington-Hill (che in questi giorni compie 49 anni). È stato pubblicato dalla Elektra Records il 6 aprile 2004 in Nord America. Creato nell'arco di tre anni, durante i quali la cantante diede alla luce il suo primo figlio, l'album, inizialmente intitolato Still, fu spostato dal suo programma originale dell'agosto 2003 dopo che a Tamia fu diagnosticata la sclerosi multipla e costretta a sottoporsi a cure. Con la malattia in remissione, riprese a lavorare sull'album più tardi quell'anno e organizzò ulteriori sessioni di registrazione con i produttori Poke & Tone, Spanador e R. Kelly per rinnovare parti dell'album che la videro anche collaborare con partner frequenti come Jermaine Dupri, Shep Crawford e Mario Winans. E’ stato preceduto dalla top ten internazionale " Into You ", una collaborazione con il rapper Fabolous dal suo secondo album in studio Street Dreams (2003) basato sul singolo della stessa Tamia del 1998 "So into You".




 

4batz – act v: there goes another vase (2024)

 “act v: there goes another vase” è il quarto singolo dal mixtape di debutto “u made me a st4r” di Neko Bennett aka 4batz, pubblicato due giorni prima che il progetto completo fosse presentato al mondo. La canzone stessa approfondisce una relazione tumultuosa in cui l'artista riconosce la tossicità del partner e allo stesso tempo sente un profondo attaccamento alla persona amata. Il 26 aprile, l’artista di Dallas 4batz ha condiviso un video sulle sue piattaforme di social media in cui può essere visto mentre fa ascoltare in anteprima questa canzone a Kanye West.




 

GeeJay – Mama, It’s Ok to Cry (2021)

"Mama, it's Ok to Cry" è un brano del 2021 del duo di Bournemouth GeeJay, con la potente voce di Gee (Gina Jane) e il pianoforte pulsante e la batteria groovy di Jay (Jacob Lobo). È intriso del dolore e della perdita seguiti alla morte improvvisa del padre della cantante Gee nel 2017, e spiega come ciò abbia influenzato la dinamica della relazione tra Gee e sua madre in lutto: lei si offre di essere lì per fornire supporto emotivo a sua madre in un capovolgimento di ruoli.




 

Cherise - ILY (2024)

Nominata dalla rivista Clash come "una delle donne che alzano il livello del soul e del jazz nel Regno Unito", Cherise Adams-Burnett è una delle giovani cantanti e cantautrici soul emergenti più ricercate. Il suo attesissimo album di debutto "Calling" è stato pubblicato nell'estate del 2023. “ILY” è il primo singolo di questo nuovo anno.




 

The Dramatics – Whatcha See Is Whatcha Get (1971)

Quello che Vedi è Quello che Ottieni, Whatcha See Is Whatcha Get è un singolo contenuto nell’album omonimo del 1971 della band Soul/R&B The Dramatics, un quintetto vocale di Detroit. Il cantante originale Ronald Banks il 10 maggio avrebbe compiuto 73 anni, è deceduto per un attacco di cuore nel 2010 quando aveva 58 anni.




 

 

L'intera playlist "WEEKLY Soul Collection" la puoi trovare in Home Page con le altre nostre selezioni: MONTHLY Soul Collection, CLASSICS Soul Collection e la Soul Collection CHART.

Good Vibes.

 



Post recenti

Mostra tutti

Commentaires


bottom of page